Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Sopravvissuto all'11/9 muore nell'attentato in Kenya

ESTERI
Sopravvissuto all'11/9 muore nell'attentato in Kenya

(Facebook /Jason Spindler)

Nel 2001 era riuscito a salvarsi dall'attentato alle Torri Gemelle. Ma il destino ha voluto che Jason Spindler morisse 18 anni più tardi in un altro attacco terroristico, quello all'hotel Dusit di Nairobi, per mano dei miliziani islamisti di al-Shabaab. A darne notizia è la CNN, che cita l'affiliata KTRK.


Managing director della compagnia I-DEV, avrebbe compiuto 41 anni la prossima settimana. Secondo la CNN, che ha intervistato i genitori, Jason si trovava a Nairobi per lavoro: l'uomo, hanno spiegato, "ha dedicato la sua vita ad aiutare gli altri attraverso il suo lavoro di consulente per gli investimenti aziendali", impiego che lo aveva portato in Kenya nei giorni scorsi per rappresentare l'azienda che ha contribuito a fondare e che si occupa di consulenza strategica per le imprese nei mercati emergenti.
Molto tempo prima di fondare l'I-DEV, Spindler aveva lavorato al World Trade Center di New York, ha spiegato mamma Sarah all'emittente americana. A salvarlo dal terribile attacco alle Torri Gemelle la mattina dell'11 settembre 2001, un ritardo al lavoro: quando la prima Torre era collassata, Jason si trovava infatti all'uscita della metropolitana.

Brillante imprenditore, Jason era quindi entrato nei Corpi della Pace, operando in Perù e aiutando gli agricoltori locali a dare vita a una cooperativa per aprirsi a mercati esteri. Secondo la biografia sul sito di I-DEV, Spindler ha poi lavorato come banchiere per Salomon Smith Barney/Citigroup e svolto consulenze per più di 100 piccole e medie imprese nei mercati emergenti. Il 15 gennaio scorso, l'attentato in Kenya e la morte per mano di al-Shabaab.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.