Home . Fatti . Esteri .

Insulti a Finkielkraut, un identificato

ESTERI
Insulti a Finkielkraut, un identificato

(Afp)

Uno degli individui che ieri ha rivolto insulti antisemiti al filosofo Alain Finkielkraut è stato identificato. A confermarlo su Twitter, il ministro dell'Interno Christophe Castaner. "Un sospetto, riconosciuto come il principale autore degli insulti, è stato identificato dai nostri servizi", si legge nel post. Come documenta un video diffuso sui social, il filosofo e accademico è stato oggetto di un'aggressione verbale lungo boulevard du Montparnasse, dove un gruppo di manifestanti fra i gilet gialli lo ha riconosciuto e ricoperto di insulti antisemiti. Sull'accaduto la procura di Parigi ha annunciato in precedenza di aver aperto un'inchiesta anche se il diretto interessato ha dichiarato oggi alla tv di non voler sporgere denuncia. L'inchiesta è stata aperta per "offesa pubblica per origine, etnia, nazione, razza o religione".


Intanto, trecento gilet gialli si sono radunati sugli Champs-Élysées per una nuova mobilitazione pacifica, tre mesi dopo l'inizio di questo movimento di protesta. I dimostranti si sono ritrovati alle 11 vicino a Place de l'Étoile, per poi percorrere la famosa arteria parigina e raggiungere Champ-de-Mars. Ieri, il ministero dell'Interno aveva contato 41.500 manifestanti in Francia e 5000 a Parigi, cifre in calo rispetto alla settimana precedente ma regolarmente contestate dai "giubbotti gialli". Mobilitato fin dal primo giorno di azione il 17 novembre, Martine Bonfilloup, 55 anni, è arrivato oggi "per dimostrare che il movimento non si esaurisce". "Hai visto che la benzina è aumentata, la classe media è tassata al massimo", ha affermato.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.