Home . Fatti . Esteri .

Irruzione a scuola, strage in Brasile

ESTERI
Irruzione a scuola, strage in Brasile

(Afp)

Otto morti in una scuola di Suzano, nello Stato brasiliano di San Paolo. Come riferisce il portale 'globo.com', due adolescenti a volto coperto hanno fatto irruzione nella 'Escola Estadual Professor Raul Brasil' e hanno aperto il fuoco uccidendo 10 persone, di cui 4 studenti e due dipendenti. Dopo la strage, come rende noto la polizia, i due giovani di 17 e 25 anni si sono suicidati. I feriti sarebbero 23. Tra le vittime, secondo le informazioni che filtrano, ci sarebbero 5 bambini; l'età degli alunni non è stata resa nota.


Non sono ancora noti i motivi dell'azione, che i due giovani hanno condotto a volto coperto attorno alle 9.30. Prima di entrare nella scuola, hanno aperto il fuoco in una concessionaria di auto ferendo gravemente il proprietario, identificato come uno zio di uno dei due assalitori. La polizia, all'interno della scuola, ha trovato una pistola calibro 38, una balestra, un arco e una freccia. Sono state recuperate anche alcune bottiglie e non è escluso che si tratti di molotov. Inoltre, uno dei due giovani aveva con sé un'ascia. Non è ancora confermata la presenza di materiale esplosivo all'interno di una borsa.

La scuola, secondo i dati aggiornati al 2017, ha circa 1.000 studenti. All'interno dell'istituto lavorano oltre 100 persone tra docenti e funzionari.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.