Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Tarrant vuole difendersi da solo

ESTERI
Tarrant vuole difendersi da solo

(Fotogramma/Ipa)

Brenton Tarrant, il 28enne australiano accusato di aver ucciso 50 persone in due moschee di Christchurch, intende difendersi da solo in tribunale. Lo ha riferito Richard Peters, il legale che sabato ha rappresentato Tarrant alla sua prima comparizione in aula.


Intervistato dal New Zealand Herald, Peters ha detto di non essere più l'avvocato del suprematista bianco. Tarrant vuole difendersi da solo, ha spiegato il legale, aggiungendo di ritenere che il suo ex cliente non sia mentalmente instabile.

Il proposito di Tarrant fa temere che voglia usare la sua prossima comparizione in tribunale per proclamare il suo manifesto ideologico, proprio come fece uno dei suoi modelli, il norvegese Anders Breivik, che uccise 77 persone nel 2011. A ogni modo, Tarrant comparirà davanti all'Alta corte della Nuova Zelanda il prossimo 5 aprile.

Tra i dettagli emersi nelle ultime ore c'è poi l'acquisto da parte del killer di quattro armi con un'ordinazione via mail nella catena di neozelandese Gun city- Tra queste, tuttavia, non vi è l'arma automatica con la quale il 28enne ha sparato sulla folla. Secondo quanto ha riferito il direttore manageriale di Gun city, David Tipple, Tarrant ha comprato munizioni e quattro armi "con un processo di ordinazione via mail verificato dalla polizia". "Non avevamo notato nulla di particolare rispetto a questo detentore di una licenza" per il porto d'armi, ha aggiunto Tipple, sottolineando che la vendita è avvenuta nel rispetto delle leggi vigenti in Nuova Zelanda.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.