Home . Fatti . Esteri .

Libia, controffensiva delle forze di Serraj

ESTERI
Libia, controffensiva delle forze di Serraj

(Afp)

Le forze del generale Khalifa Haftar continuano ad arrancare, il fronte degli scontri resta a una trentina di chilometri da Tripoli ed è in corso un'"importante controffensiva" delle forze che sostengono il governo di accordo nazionale di Fayez Serraj. Lo dicono all'Adnkronos fonti libiche, smentendo le notizie secondo cui gli uomini dell'Esercito nazionale libico agli ordini dell'uomo forte della Cirenaica starebbero entrando a Tripoli. "Tutte le nostre evidenze - sostengono le fonti - parlano di un'importante controffensiva delle forze che sostengono Serraj su tutti fronti. Gli scontri tra le due parti sono sempre a una trentina di chilometri da Tripoli, c'è stato un bombardamento su Garian", la città a un centinaio di chilometri a sud della capitale dove l'Lna è entrato senza combattere giovedì scorso. A nove giorni dall'annuncio della marcia su Tripoli del generale Haftar, l'impressione è che il conflitto sul terreno si sia ormai incancrenito, mentre a livello diplomatico si sta sempre di più trasformando in una guerra per procura tra Arabia Saudita, Emirati ed Egitto, da un lato, con il loro sostegno ad Haftar, e Qatar e Turchia, dall'altro, con il loro sostegno a Serraj e alle sue milizie.


L'Italia, in questo contesto, continua a lavorare per scongiurare un'ulteriore escalation della crisi, con il premier Giuseppe Conte che rivendica il ruolo di "facilitatore" del nostro Paese. Lunedì, il presidente del Consiglio riceverà a Palazzo Chigi il vice premier e ministro degli Esteri di Doha, Mohammed bin Abdulrahman Al Thani, titolare del dossier libico, e il vice premier del governo di Tripoli Ahmed Maitig, esponente di Misurata, la città che con le sue milizie a sostegno del governo di accordo nazionale sta dando il contributo più importante alla controffensiva. Nella stessa giornata, il premier potrebbe avere contatti telefonici con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e con il presidente russo Vladimir Putin.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.