Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Macron si sfila e lascia il Parlamento a Philippe

ESTERI
Macron si sfila e lascia il Parlamento a Philippe

(Fotogramma)

Emmanuel Macron si sfila e lascia che sia il suo premier Edouard Philippe a parlare di fronte all'Assemblea nazionale e al Senato delle grandi linee della politica del governo, a partire dalla legge sull'estensione del diritto alla procreazione assistita a tutte le donne, incluse le donne single e omosessuali che sarà presentata in consiglio dei ministri entro luglio, e dal bando nell'Amministrazione pubblica di tutti i prodotti in plastica monouso.


Philippe ha parlato questo pomeriggio di fronte all'Assemblea nazionale, che ha votato la fiducia al discorso programmatico con 363 voti a favore e 163 contro, e domattina riproporrà lo stesso discorso al Senato. Il presidente francese, che aveva annunciato in campagna elettorale la sua intenzione di riunire il Parlamento in Congresso a Versailles a luglio, ha rinunciato, sulla scia delle proteste dei Gilet Gialli e del clima politico non più a suo totale favore.

Philippe ha anche anticipato la possibilità di sottoporre a referendum misure di transizione ecologica, dopo che a innescare la protesta dei Gilet Gialli era stata l'introduzione, poi revocata, di aumenti delle accise sui carburanti. E assicurato che nella riforma delle pensioni non si toccherà l'età di 62 anni ma si introdurranno incentivi per chi sceglie di lavorare più a lungo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.