Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Virus Cina, 17 morti e centinaia di persone colpite

ESTERI
Virus Cina, 17 morti e centinaia di persone colpite

(Afp)

E' salito a 17 il numero, quasi il doppio di ieri, dei morti in Cina per l'infezione del nuovo coronavirus nel paese asiatico. Lo hanno reso noto le autorità sanitarie della provincia cinese di Hubei, il cui capoluogo è Wuhan, la città dove si è sviluppato il virus misterioso. Secondo le autorità cinesi, già 470 persone risultano infettate dal coronavirus. Il virus si è diffuso a partire da un mercato del pesce che "ha effettuato transazioni illegali di animali selvatici", ha spiegato Bin Li, numero due della National Health Commission. "In linea di massima, non andate a Wuhan. E per quelli che stanno a Wuhan, non lasciate la città".


"Mesi per un vaccino"

Per contenere le infezioni, a Wuhan è stata disposta la chiusura temporanea delle chiese cattoliche con lo stop alle messe per il Capodanno lunare. Nelle maggiori città cinesi vanno a ruba le mascherine per il viso da quando è stato annunciato che la trasmissione da persona a persona è possibile. Anche Macao ha confermato oggi il primo caso certificato: il paziente è rientrato da Wuhan. E pure il governo di Hong Kong ha confermato oggi un caso di sospetto contagio.

PAZIENTE USA A WUHAN MA NON IN MERCATO CENTRALE - La autorità sanitarie federali hanno confermato il primo caso del misterioso coronavirus negli Stati Uniti. L'uomo è ricoverato in isolamento al Providence Regional Medical Center di Everett, nello Stato di Washington, hanno reso noto gli Us Centers for Disease Control and Prevention. L'uomo, che è residente nella Snohomish County, era rientrato a Washington da Wuhan. Avrebbe detto però di non essere stato nel mercato centrale della cittadina, dove sono messi in vendita pesci e animali selvatici, luogo considerato l'origine del virus. Secondo i Cdc, non presentava sintomi al suo arrivo a Seattle mercoledì scorso dopo il viaggio in Cina. Le autorità sanitarie federali affermano che le condizioni dell'uomo sono buone e ci sono pochi rischi che infetti altre persone.

THAILANDIA - Sono quattro in Thailandia le persone che sono state infettate dal nuovo coronavirus. A renderlo noto sono state le autorità sanitarie di Bangkok precisando che altre due persone sono risultate positive al test questa settimana, in aggiunta alle 2 già infettate e successivamente curate. "Anche se sono stati scoperti questi due nuovi casi - relativi a una donna che era stata a Wuhan e a un uomo appena rientrato nelle Filippine - la Thailandia non ha al momento documentato una trasmissione del virus tra persone", ha dichiarato il ministro della Sanità Anutin Charnvirakul.

NORDCOREA - Per evitare possibili casi del misterioso coronavirus la Corea del Nord ha chiuso le frontiere ai turisti stranieri. E' quanto emerge dalla nota postata sul suo sito da uno dei principali tour operator che opera nello "stato eremita", la Young Pioneer Tours, che parla della chiusura del confine come di una "precauzione" contro il possibile propagarsi del virus che ha provocato morti in Cina. Non vi sono al momento notizie di casi sospetti in Corea del Nord.

AUSTRALIA - Intanto i test effettuati sull'uomo messo in isolamento in Australia perché sospettato di essere portatore del nuovo coronavirus hanno permesso di escludere l'avvenuto contagio. Ad annunciarlo le autorità sanitarie locali. L'uomo, che presentava difficoltà respiratorie, era rientrato da poco da Wuhan.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.