Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Sassoli: "È D-Day del 21esimo secolo, in Ue sbarca la solidarietà"

ESTERI
Sassoli: È D-Day del 21esimo secolo, in Ue sbarca la solidarietà

(Afp)

"E’ come se fosse il D-Day europeo del 21° secolo, perché l’Europa ha scoperto la solidarietà e scommette su una politica comune per la rinascita della economie, per il sostegno ai cittadini e al lavoro, con uno sguardo ai prossimi anni ed alla eredità che lasceremo alle prossime generazioni". Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, commentando la proposta della Commissione Ue sul Recovery Fund.


"In questi mesi è rimasto aperto e il Parlamento è riuscito a condizionare la Commissione - ha rivendicato - Ringrazio Ursula von der Leyen e i commissari per averci ascoltato. Sono convinto che le riunioni del Consiglio aggiungeranno nuove ambizioni. Noi ci batteremo per questo. I Governi devono capire che questa è la strada più conveniente. Noi vogliamo che intorno a questo progetto ci sia il massimo del consenso dei governi e dei cittadini".

"Dal Consiglio - ha concluso il presidente dell’Europarlamento- non deve uscire una proposta inferiore a quella che è stata proposta dal Parlamento”. Infine, Sassoli ha voluto rivolgere un "appello a difendere lo spazio europeo: non possiamo permetterci speculazioni o attacchi ai nostri asset strategici. Siamo in un momento delicato. Ecco perché abbiamo visto con soddisfazione il piano delle Commissione accogliere le nostre proposte, con l’ambizione di accompagnare la vita di tutti”



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.