Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Morte Floyd, non si placano le proteste: almeno 200 arresti a New York

ESTERI
Morte Floyd, non si placano le proteste: almeno 200 arresti a New York

(Afp)

Continuano, nonostante il coprifuoco, le proteste negli Stati Uniti per la morte di George Floyd, avvenuta durante un fermo di polizia a Minneapolis. A New York, in particolare a Manhattan, ci sono stati scontri tra la polizia ed i manifestanti e almeno 200 persone sono state arrestate. Lo hanno riferito fonti della sicurezza alla 'Cnn', ricordando che nella Grande Mela il coprifuoco è entrato in vigore alle 20.


Secondo il corrispondente della 'Cnn', le proteste delle ultime ore sono state pacifiche. I manifestanti hanno marciato attraverso Manhattan ed in alcuni casi sono stati applauditi da proprietari di negozi e residenti. Ci sono stati comunque alcuni episodi di saccheggi e momenti di tensione quando la folla si è avvicinata al Manhattan Bridge.

A Los Angeles, migliaia di persone si sono raccolte davanti alla residenza del sindaco, Eric Garcetti. Il portavoce della polizia, Tony Im, ha reso noto che sono state arrestate centinaia di persone, in gran parte per aver violato il coprifuoco, a Hollywood, nel centro di Los Angeles, e nel quartiere di Hancock Park, dove si trova la residenza di Garcetti.

Circa diecimila persone hanno protestato pacificamente a Portland e in molti sono scesi in piazza anche dopo l'inizio del coprifuoco a Washington D.C..

Intanto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha omaggiato su Twitter il capitano di polizia in pensione David Dorn, ucciso durante i recenti disordini a St. Louis, nel Missouri. "Massimo rispetto da parte nostra per la famiglia di David Dorn, un grande capitano della polizia di St. Louis, che è stato colpito brutalmente e ucciso da spregevoli saccheggiatori ieri sera. Onoriamo i nostri agenti di polizia, forse più che mai. Grazie!", ha dichiarato Trump.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.