Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Beirut, "governo informato dei rischi poco prima dell'esplosione"

ESTERI
Beirut, governo informato dei rischi poco prima dell'esplosione

Afp

Il ministro dei Lavori pubblici del governo libanese dimissionario, Michel Najjar, ha confermato che il governo era a conoscenza della pericolosità del deposito al porto di Beirut, ma ha allo stesso tempo ammesso ritardi causati dal lockdown imposto per l'emrgenza coronavirus e per la festività dell'Eid al-Adha. "Abbiamo ricevuto una lettera dal Consiglio supremo di difesa datata 24 luglio, ma siccome eravamo nel periodo di lockdown e poi per la festa dell'Eid al-Adha, ci è stata notificata ufficialmente lunedì 3 agosto ed è stata registrata la mattina di martedì 4 agosto, cioè il giorno dell'esplosione'', ha detto Najjar citato dall'emittente Mtv. ''La lettera menzionava una nave ancorata nel porto, carica di materiali esplosivi'', ha aggiunto. Citato dall'emittente al-Arabiya, Najjar ha detto di essere a conoscenza dell'esplosivo al porto di Beirut solo 24 ore prima della deflagrazione.


Nuove manifestazioni di protesta sono intanto corso nei pressi del Parlamento di Beirut. Immagini trasmesse dall'emittente Mtv mostrano i manifestanti che hanno 'impiccato' un manichino con il volto del presidente Michel Aoun e poi gli hanno dato fuoco, urlando 'rivoluzione'. Un minuto di silenzio è stato osservato al porto di Beirut poco dopo le 18 ora locale, quando una settimana fa si è registrata la prima delle due esplosioni che hanno causato centinaia di vittime. Durante la veglia, le persone raccolte vicino al luogo della duplice esplosione hanno letto i nomi di chi ha perso la vita. I manifestanti hanno anche acceso delle candele e intonato slogan contro il governo dimissionario.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.