Home . Fatti . . . Wiki Loves Monuments Italia 2015: anche quest'anno il Comune di Terni aderisce al concorso fotografico
Fonte: comune terni

Wiki Loves Monuments Italia 2015: anche quest'anno il Comune di Terni aderisce al concorso fotografico

Si potrà partecipare realizzando foto di monumenti della città: nella scorsa edizione un ternano si classificò al secondo posto ( Ufficio Stampa/Acot) - Il Comune di Terni aderisce anche quest'anno al concorso fotografico Wiki Loves Monuments Italia, promosso da Wikimedia Italia, che si terrà nel mese di settembre 2015. L'iniziativa ha come scopo la creazione di un grande database fotografico online per catalogare i monumenti italiani, anche i meno noti, contribuendo a illustrare voci nuove su Wikipedia. Nella precedente edizione proprio una foto di Terni, in particolare la foto di Marco Ilari sulla Lancia di Luce di Arnaldo Pomodoro, si è classificata al secondo posto assoluto su oltre mille partecipanti. Inoltre sono state 16 le foto “ternane” nella rosa delle 500 finaliste. Tutte le informazioni su come aderire e su come realizzare e inviare le foto dei monumenti sono disponibili sul sito di Wikimedia Italia, all’indirizzo www.wikimedia.it/wiki-loves-monuments. In particolare prima di scegliere il soggetto da fotografare, occorre consultare la lista dei monumenti che possono essere fotografati nel territorio comunale di Terni. “Facendo tesoro dell'esperienza accumulata negli anni passati – spiegano gli organizzatori - Wiki Loves Monuments 2015 parte con solide basi e importanti collaborazioni, come quella con FIAF - Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, che coinvolgerà sempre più fotografi professionisti nella selezione delle foto caricate su Wikimedia Commons e Icom Italia, il Comitato Italiano dell'International Council of Museums, che supporterà Wiki Loves Monuments in iniziative utili a “liberare” quante più immagini possibili di monumenti italiani. A questi partner si aggiunge quest'anno il Toscana Foto Festival, prestigiosa manifestazione dedicata alla fotografia, diretta da Franco Fontana”. “Wikimedia Italia ha instaurato nel corso delle passate edizioni una proficua collaborazione con le amministrazioni italiane: la volontà dell’Associazione è di coinvolgere sempre più nell’iniziativa le Regioni e le associazioni di promozione territoriale, che agiranno da cassa di risonanza nel divulgare la consapevolezza di un progetto collettivo, mirato alla libera condivisione della cultura e incentrato sulla libertà di panorama”. “L'edizione 2014 ha segnato il grande successo dell'iniziativa in Italia, registrando numeri importanti: 21.000 le foto raccolte, oltre mille i partecipanti che hanno contribuito a catalogare e documentare in tutto oltre quattromila monumenti”. “La legislazione italiana consente di pubblicare le immagini di monumenti solo laddove non siano a fini di lucro”, commenta il Presidente di Wikimedia Italia Andrea Zanni, “ma le immagini pubblicate su Wikipedia sono completamente libere. Per rendere possibile un concorso come Wiki Loves Monuments è necessario pertanto ogni anno ottenere dagli enti che hanno in consegna i monumenti o dai privati che ne sono proprietari l'autorizzazione a scattare e pubblicare fotografie, poi utilizzate per il concorso. Gli enti locali negli scorsi anni hanno collaborato con grande entusiasmo a questa iniziativa che permette di valorizzare il patrimonio culturale italiano”. CONTATTI: Wikimedia Italia - Referente Wiki Loves Monumuents 2015: Cristian Cenci - cristian.cenci@wikimedia.it - +39 393 8005889 Facebook: www.facebook.com/Wiki-Loves-Monuments-Italia Email: segreteria@wikimedia.it Via Bergamo, 18 – 20900 Monza (MB) - Tel. 039.5962256 – Fax 039.9462394 Ulteriori informazioni: Wikipedia: http://it.wikipedia.org - Wikimedia Italia: http://www.wikimedia.it/ Comune di Terni Ufficio Sistema Museale, via G. Bruno 3 05100 - Terni 0744-434210 - sistema.museale@comune.terni.it Qui sopra, la foto "Terni, Lancia di Luce" di Marco Ilari seconda classificata al concorso Wiki Loves Monuments Italia 2014 GLD -


Comunicato stampa



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.