Cerca
Home . Fatti . . .
Fonte: comune alessandria

DECISA DEFINITIVAMENTE LA LOCALIZZAZIONE DELL'ESPERIMENTO "DAL CUBO DI GHIACCIO AL CUBO DI TERRA"

Alessandria, 3 giugno 2015 Ad Alessandria, dal 4 giugno al 4 luglio: tradizione e innovazione per lo sviluppo di "NZEB" in terra cruda Sarà l'area pedonale antistante il Palazzo Comunale sulla Piazza della Libertà ad Alessandria l'area su cui verrà allestito l'evento " Dal cubo di ghiaccio AL cubo di terra - Tradizione e innovazione per lo sviluppo di NZEB in terra cruda": l'esperimento che CasaClima Network Piemonte e Valle d'Aosta — con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e dell'Amministrazione Comunale (nell'ambito del PISU - Progetto Integrato di Sviluppo Urbano) — lancia a partire dal 4 giugno e fino al 4 luglio 2015. Durante questo mese la Città di Alessandria sarà in fermento, con un susseguirsi di iniziative: workshop tecnico/pratici alla scoperta della terra cruda e dei materiali naturali, seminari per professionisti, convegni informativi, laboratori didattici per bambini, consulenze professionali tenute dai consulenti CasaClima e visite guidate a cantieri ed edifici green. Il tutto per approfondire e sostenere in particolare proprio "il costruire in terra cruda": il materiale da costruzione più antico del mondo che diventa oggi un elemento edilizio innovativo ed elemento distintivo degli "NZEB" (Net Zero Energy Building, ossia edifici a consumo energetico vicino allo zero). Fulcro dell'evento è la "sfida del cubo di ghiaccio", una scommessa con i cittadini per sensibilizzarli sul tema dell'efficienza energetica. In che cosa consiste la prova? 1 cubo di ghiaccio esposto al sole, un 2 cubo di ghiaccio inserito in un involucro CasaClima Oro e, infine, un cubo di terra stampato di 2,28 m, coibentato internamente con paglia pressata biotriturata e cellulosa di legno e reso più resistente grazie alle radici dei semi germogliati nel suo impasto, che conterrà un 3 e ultimo cubo di ghiaccio. Quanto ghiaccio si scioglierà? Ai cittadini l'ultima parola! Massimo Moretti, ideatore di WASP e già vincitore dei Green Award 3D Printshow 2013, ha aderito alla scommessa: stamperà con una stampante 3D alta 6 metri il cubo di terra cruda, costituito da setti energeticamente idonei per un edificio passivo. La professoressa Daniela Bosia, del Politecnico di Torino, presterà invece il suo know-how per monitorare le prestazioni dell'elemento. L'obiettivo è calibrare e testare un nuovo componente edilizio: plasmato con la terra cruda secondo la tradizione del territorio alessandrino, realizzato con una delle tecnologie più all'avanguardia, la stampante 3D, e progettato in modo da soddisfare i requisiti di un edificio a zero emissioni e a zero energia, totalmente riciclabile. Unendo tradizione e innovazione, CasaClima vuole rispondere alle nuove esigenze del settore edilizio contemporaneo e locale, seguendo la direttiva 2010/31/UE con cui l'Unione Europea chiede ai professionisti e alle imprese di progettare e costruire solo edifici a energia quasi zero entro il 31 dicembre 2020. Questo obiettivo può essere raggiunto solo attraverso una progettazione integrata di involucro e impianti che presuppone una partnership tra progettisti, imprese, produttori di componenti e partner tecnici di eccellenza presenti nel territorio alessandrino e piemontese. Il 4 giugno, alle ore 18.00 presso Palazzo Monferrato ad Alessandria, l'avvio anche dell'importante Convegno di presentazione dell'evento in cui saranno presenti personalità importanti come Massimo Moretti di WASP, l'arch. Gaia Bollini e la prof.ssa Daniela Bosia del Politecnico di Torino. Per maggiori informazioni: Segreteria CasaClima Network Piemonte e Valle d'Aosta: 011 0371500 segreteria@casaclimapiemonte.it Responsabile scientifico: arch. Silvia Fasolo (347 2723227) e arch. Gaia Bollini piemonte-valleaosta.casaclima-network.info facebook.com/CasaClima Network Piemonte Valle D'Aosta Ufficio Stampa


Comunicato stampa



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.