Cerca
Home . Fatti . . .
Fonte: comune firenze

20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato

Convegno a Palazzo Vecchio e concerto alle Cascine con Elisa, Pelù e Bandabardò Si stima che siano 50 milioni le persone che in tutto il mondo sono costrette a fuggire a causa di guerre, discriminazioni e violazioni dei diritti umani. L’appuntamento di sabato 20 giugno con la Giornata Mondiale del Rifugiato promossa dalle Nazioni Unite coincide quest’anno con una drammatica emergenza umanitaria che coinvolge centinaia di migliaia di persone in fuga dalle guerre e dalle persecuzioni etniche e religiose. Da paesi come Libia, Siria, Nigeria premono alle frontiere dell’Europa ma spesso il loro dramma non viene affrontato in quanto tale ma piuttosto ‘giuocato’ politicamente come fantasma da agitare di fronte ad un’ opinione pubblica spaventata e spossata dalla interminabile crisi economica. In un contesto del genere la Giornata Mondiale del Rifugiato rappresenta un’occasione importante di riflessione e approfondimento per analizzare il problema nei suoi aspetti umani e giuridici cogliendone i presupposti storico-politici e sottraendo una materia così incandescente alle semplificazioni e alla suggestione emotiva. In questa ottica due sono gli appuntamenti cruciali in programma a Firenze. Un convegno è in programma nel Salone dei Cinquecento, ore 12, con la presenza di Laura Boldrini, presidente della Camera, Dario Nardella, Sindaco di Firenze, Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, Matteo Biffoni, delegato ANCI per l’immigrazione, Laurent Jolles, delegato UNHCR (Agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite) per il Sud Europa, Carlotta Sami, portavoce UNHCR per il Sud Europa. Alle ore 15, all’ippodromo del Visarno, nel parco delle Cascine, si terrà un concerto il cui ricavato sarà devoluto all’UNHCR. Hanno garantito la loro presenza artisti prestigiosi come Elisa, Piero Pelù, Bandabardò, Dario Brunori, Virginiana Miller; presenteranno la serata Valentina Petrini e Francesco Pannofino. Il biglietto di ingresso sarà di 10€ con i quali l’UNHCR, al netto del contributo SIAE e degli oneri fiscali, garantirà un mese di acqua potabile a un rifugiato che vive in condizioni di emergenza umanitaria. INFO: Unhcr World Refugee Day


Comunicato stampa



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.