Home . Fatti . Politica . Province: Saitta, preoccupazione per riforma Delrio

Province: Saitta, preoccupazione per riforma Delrio

Borioli (Pd), serve una proroga per un'attuazione attenta

POLITICA

Il presidente dell'Unione delle Province italiane Antonio Saitta ha concluso oggi ad Alessandria, intervenendo alla seduta aperta del Consiglio provinciale, il ciclo di approfondimenti riservati alla realtà piemontese sulla riforma Delrio, cosiddetta 'svuotaProvince', che deve completare il proprio iter con l'esame del Senato. ''In tutto il Piemonte, come nel resto d'Italia - commenta Saitta - ho riscontrato grande preoccupazione sui tempi e i modi di attuazione di questa riforma che smantellerà un pezzo di sistema istituzionale consolidato da oltre 150 anni. Ribadisco che noi non siamo contrari allo snellimento, ma al Governo cerchiamo di far capire che serve più tempo".

Preoccupazioni condivise e raccolte dai senatori delPd Daniele Borioli e Federico Fornaro. ''La legge Delrio avrà bisogno di una proroga per essere attuata - ha, in particolare, sottolineato Borioli - perchè nessuna Regione italiana in tre mesi sarà in grado di riarticolare le funzioni oggi in capo alle Province. Inoltre, il sistema di voto ponderato per l'elezione indiretta degli organismi di secondo livello che dovranno guidare in futuro Province e città metropolitane è eccessivamente squilibrato in favore dei grandi centri urbani e penalizza i territori periferici''.

''Chiederemo al Governo - ha concluso - che gli attuali organismi alla guida delle Province dopo il 30 giugno vengano prorogati per i mesi necessari a riordinare l'Ente intermedio e soprattutto in attesa della riforma del titolo V sulla quale il Goveno si è impegnato. In caso contrario, la riforma produrrà problemi nei servizi e danni alla collettività''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.