Cerca

Zanda: "Marino non conosce bene Roma, cambi assessori"

POLITICA

Ignazio Marino "non ha la conoscenza robusta di Roma che avevano Rutelli e Veltroni, o Petroselli e Argan. Questo avrebbe dovuto consigliarlo a scegliere una giunta più matura. Io stimo l'assessore Improta, ma su altri sospendo il giudizio". Luigi Zanda, capogruppo del Pd al Senato, si esprime così sul sindaco di Roma, Ignazio Marino. "Una premessa: io sono molto amico di Ignazio Marino, siamo stati insieme al Senato per tanti anni, è una persona per bene", dice Zanda in un'intervista a 'la Repubblica'. Il Pd nazionale si appresta a chiedere l'azzeramento della giunta. "Marino non deve pensare che le indicazioni del Pd siano date per motivi diversi dal volerlo rafforzare. Ci mancherebbe altro che lui non si fidasse del suo partito", aggiunge. A Roma si parla di elezioni anticipate: "Io sono contrario, ma considero egualmente pericolosa la palude politica: il fatto che il sindaco e la sua maggioranza non vadano d'accordo è contro natura, ancora più rischioso del voto anticipato". "Le multe? Si pagano. Oppure, se le si ritiene illegittime, ci si oppone in giudizio. Altre strade non ce ne sono", dice Zanda riferendosi al 'Pandagate'. "Credo che Marino abbia governato con grande buona fede -conclude dando il proprio giudizio sull'amministrazione-. Ma i risultati per ora non sono sufficienti".




RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.