Cerca

Italicum in aula al Senato, Boschi conferma: "In vigore dal 2016"

POLITICA
Italicum in aula al Senato, Boschi conferma: In vigore dal 2016

L'Italicum arriva al Senato e il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi, pur confermando l'intenzione del governo di approvare subito la legge elettorale, apre alla clausola di salvaguardia: la nuova legge entrerà in vigore nel 2016. Il chiarimento va in scena in Aula tra Boschi e il senatore Roberto Calderoli: sul tavolo uno dei punti dirimenti per la Lega ma anche e soprattutto per Fi. "Pur ritenendo che il governo vuole arrivare al 2018, cioè alla scadenza naturale della legislatura - ha precisato Boschi - è importante ci sia una legge subito, perciò l'efficacia della nuova legge sarà differita al 2016 coerentemente con la riforma costituzionale".


Dopo l'intervento di Boschi, Calderoli ha annunciato il ritiro della questione sospensiva: "per quel che mi riguarda la ritiro e quindi, anche se non è stata buona, il carbone dolce lo porterò alla ministra Boschi". Il senatore leghista mantiene la parola: un piattino di carbone dolce raggiunge i banchi del governo dove siede il ministro. Ma se il Carroccio ritira la sospensiva, sulle pregiudiziali vanno avanti Sel e M5S. L'Aula respinge compatta tra le lagnanze e le stoccate dei grillini. Tra questi, la senatrice Paola Taverna ironizza con rabbia sull'Aula rimasta semideserta durante la discussione generale. "Non c'è più nessuno - finge di stupirsi nel corso del suo intervento - dove siete? Dov'è la discussione generale sulla legge elettorale a cui tenete tanto? E' forse questa? Siete ridicoli - scandisce - davvero ridicoli". Al termine del suo intervento, Taverna ringrazia ironicamente "l'attenzione delle sedie vuote".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.