Cerca

Italicum, opposizioni sull'Aventino. Renzi: "Avanti su tutto"

Brunetta, sostituzione deputati minoranza Pd sa di 'deportazione'

POLITICA
Italicum, opposizioni sull'Aventino. Renzi: Avanti su tutto

Matteo Renzi

Sull'Italicum è battaglia. Movimento Cinque stelle, Forza Italia, Sel e Lega hanno deciso di abbandonare i lavori della commissione Affari costituzionali sulla riforma elettorale dopo la decisione del Pd di sostituire i dieci esponenti 'ribelli' della minoranza, tra cui l'ex segretario Pier Luigi Bersani e Rosy Bindi. E il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta, conia un neologismo: questo è il 'deportellum'.


"Chi grida oggi allo scandalo perché alcuni deputati sono sostituiti in Commissione dovrebbe ricordare che questo è non solo normale ma addirittura necessario se crediamo ai valori democratici del rispetto della maggioranza: si chiama democrazia quella in cui si approvano le leggi volute dalla maggioranza, non quella in cui vincono i blocchi imposto dalle minoranze", replica il presidente del Consiglio e segretario del Pd, Matteo Renzi. "Avanti su tutto -aggiunge- Fermarsi oggi significherebbe consegnare l'intera classe politica alla palude e dire che anche noi siamo uguali a tutti quelli che in questi anni si sono fermati prima del traguardo".

Concetti ripresi dal ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi. Le opposizioni "credo che in realtà abbiano poca dimestichezza con le regole della democrazia. Il confronto in commissione c'è stato per 13 mesi tra i due rami del Parlamento, ma poi si decida votando e quindi la maggioranza respinge gli emendamenti che non condivide dell'opposizione. Mi dispiace che abbiano abbandonato i lavori in commissione, se non dovessero rientrare" dopo la sospensione proposta dal presidente della commissione "proseguiremo con i nostri lavori, perchè sono nove anni che aspettiamo di avere una nuova legge elettorale, quindi non credo che l'assenza di alcuni Gruppi possa interrompere un percorso di riforme che la maggioranza e il governo hanno il diritto di portare avanti".

Brunetta definisce la posizione della maggioranza Dem "inaccettabile, evidentemente vuole eliminare qualsiasi dibattito in qualsiasi senso. Di fronte a questo loro atteggiamento lasceremo al Pd tutta la responsabilità di approvarsi in commissione l'Italicum blindato, a disonore del Partito democratico stesso". La sostituzione dei 'ribelli', insiste l'ex ministro, "sa tanto di deportazione", è un fatto "democraticamente aberrante e costituzionalmente inaccettabile.Questo è il 'deportellum', altro che Italicum, è la legge dei deportati ".

In trincea anche Sel, che affida al capogruppo Arturo Scotto la 'dichiarazione di guerra' alla maggioranza renziana: "Renzi tratta la commissione come una sezione Pd. La sostituzione è un atto grave. Sel non partecipa a farse. Lasciamo i lavori e ci vediamo in aula".

Identica scelta fa il Movimento cinque Stelle: "Non ci stiamo ad assistere alla farsa che il Pd ha imbastito in commissione Affari costituzionali dove il padrone Renzi ha epurato i suoi deputati. La riforma elettorale deve essere migliorata, se non è possibile farlo in commissione lo faremo in Aula", spiega il deputato M5S e componente della prima commissione Andrea Cecconi. "Inutile partecipare a una farsa in cui gli attori sarebbero in larga maggioranza burattini di Renzi pronti ad alzare la mano ad ogni comando del capo'', sottolinea Danilo Toninelli.

Per il vice segretario del Pd, Lorenzo Guerini, si tratta di una decisione "che sorprende" e di cui "non si comprende la ratio". "Una decisione - aggiunge Guerini - che non capisco perché il dibattito in commissione è assicurato e perché nessuno vuole forzare il passaggio che la commissione stessa è chiamata ad affrontare. La decisione di sostituire i commissari è stata presa dall'assemblea del gruppo, secondo i regolamenti parlamentari e le regole che lo stesso gruppo si è dato. Oggi anche nelle file della minoranza c'è chi, come Meloni, definisce saggia quella scelta. Chi si scaglia contro le determinazioni del gruppo Pd, evidentemente vuole strumentalizzare per cercare di trarre qualche beneficio politico".

"Per noi - sottolinea Guerini - è essenziale mantenere l'impegno, solenne, preso con gli italiani all'inizio della legislatura, quando tutte le forze politiche si erano espresse a favore di una riforma elettorale. Il testo che oggi è al vaglio della prima commissione è il frutto di un percorso parlamentare durato 14 mesi. E' stato approvato al Senato con molte modifiche rispetto all'articolato originario ed è stato votato da Forza Italia che oggi fa scelte diverse in nome di una deriva polemica che non è utile neppure alla stessa Forza Italia". Il capogruppo azzurro alla camera Renato Brunetta parla di "deportazione" riferendosi alla sostituzione dei deputati dem. "Termini - risponde Guerini - che sono completamente fuori dalla normale dialettica, espressioni mirabolanti che non corrispondono alla realtà dei fatti".

"L'Aventino non lo capisco - continua Guerini - la commissione viene convocata secondo tempi e procedure sempre applicate, non c'è nessuna forzatura. Mi pare ci sia solo la volontà di fare un po' di cagnara. La verità è che c'è qualcuno che non sa come spiegare come si fa a non votare una legge già votata in Senato e che ora è identica in commissione alla Camera".

Al vice segretario del Pd replica Brunetta su Twitter: "Guerini spudorato: prima deporta le sue opposizioni e poi denuncia la legittima difesa di chi non ci sta. Ridicolo!". "Povero Guerini, lui di mirabolante non ha nulla. È solo l'esecutore di un dittatorello di provincia", sottolinea po il presidente dei deputati azzurri in un successivo tweet.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.


22 / 04 - 12:39 |
Cincinnato
segnala un abuso

La attuale legge elettorale deve essere cambiata.Non garantisce il bilanciamento dei poteri ma la inutile duplicazione della legiferazione.Il che è un forte ostacolo per un paese che desideri una democrazia agile atta a superare alacremente i problemi.L'italicum è il migliore compromesso per il nostro paese e giunge al traguardo dopo 2 anni di gestazione con le forze politiche tutte.Cancellarlo con altre lungaggini sarebbe un crimine.

21 / 04 - 20:51 |
persio_flacco
segnala un abuso

La legge elettorale va cambiata, ma non per farne una peggiore. Soprattutto va cambiata per garantire più democrazia, non meno democrazia. Le riforme di Renzi vanno in senso contrario rispetto a questo obiettivo.
Una prassi ormai consolidata ha già stravolto la Costituzione:
l'abuso della decretazione e della fiducia ha di fatto espropriato il Parlamento del potere legislativo assegnandolo al Governo, cioé al capopartito; la facoltà di scegliere molti dei candidati assegnata al capopartito ha espropriato i cittadini del diritto di scegliersi i propri rappresentanti; l'abolizione del Senato elettivo ha messo nelle mani del partito una delle due camere, visto che il partito sceglie gran parte degli amministratori locali.
Il risultato sarà l'abolizione della divisione dei poteri legislativo ed esecutivo, la forte limitazione del diritto di rappresentanza democratica, l'assegnazione al capopartito del controllo di Parlamento e Governo, lo sbilanciamento dei poteri e l'annullamento dei contrappesi che garantiscono la Costituzione. In sintesi: l'uomo solo al potere, una Marcia su Roma soft.

21 / 04 - 18:54 |
Conte Cagliostro
segnala un abuso

Dove sta lo scandalo? Grillo e Casaleggio non fanno epurazioni continue dei dissidenti in disaccordo con loro? O credono che ci siamo bevuti la fandonia delle decisioni in rete?

21 / 04 - 18:27 |
elilini
segnala un abuso

Ridicolo è Brunetta.
Attacca a fondo una legge che Forza Italia ha approvato in Senato.
La coerenza non sa dove sta di casa.
UOMO PICCOLO, NON DI STATURA MA MORALMENTE.

21 / 04 - 16:41 |
Cincinnato
segnala un abuso

L'Italicum è una riforma indispensabile, per il progresso e la governabilità del paese.Chi fa opposizione ora, dopo un anno e mezzo di discussioni, lo fa in modo strumentale, e con disonestà intellettuale.Questo è vero soprattutto per le opposizioni e per la minoranza del PD, in chiarissima mala fede.E la gente è stufa di questa gente.

21 / 04 - 14:46 |
giancarlo4
segnala un abuso

..ma mi chiedo.. cosa aspetta la minoranza pd ad andarsene e formare un nuovo gruppo? dopo le continue sberle in faccia che prendono mi chiedo proprio cosa li tiene fermi.forse...forse è perche temono di perdere tutto cio che è intestato al partito democratico? è si! ne hanno di proprietà fra sedi palazzi circoli terreni lasciti ecc.ecc.pensa un pò perderebbero tutto nel giro di poco a favore di un ex dc e margherita. poveri comunisti non hanno scelta !!! anche loro sempre piu legati a soldi e affari. per fortuna dicono di essere con la gente comune figurarsi se non lo fossero.