Cerca

L'Italicum è legge, Renzi: "Promessa mantenuta".

POLITICA
L'Italicum è legge, Renzi: Promessa mantenuta. Cosa prevede/Scheda

Maria Elena Boschi

Via libera dell'Aula della Camera all'Italicum, che passa con 334 voti favorevoli e 61 contrari. E' l'ok definitivo: l'Italicum diventa legge, sostituendo il Porcellum, dopo le tre votazioni di fiducia che hanno aperto la strada al via libera definitivo. Al voto, a scrutinio segreto, non hanno preso parte le opposizioni: Fi, M5S, Lega Nord, FdI e Sel hanno infatti abbandonato l'Aula in segno di protesta. A Montecitorio i presenti sono stati 399, con votanti 395, astenuti 4, mentre la maggioranza richiesta era di 198. Poco prima del voto la presidente di Montecitorio, Laura Boldrini, aveva detto sì alla richiesta di voto segreto di Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia.


L'Italicum passa ora al Quirinale per la promulgazione da parte del Capo dello Stato.

Renzi - Impegno mantenuto, promessa rispettata. L'Italia ha bisogno di chi non dice sempre no. Avanti, con umiltà e coraggio. È #lavoltabuona". Lo scrive su Twitter il premier Matteo Renzi dopo il via libera della Camera.

Sull'Italicum "missione compiuta, il governo ha mantenuto l'impegno preso con i cittadini: fare dell'Italia un paese in cui il giorno dopo le elezioni si sappia chi ha vinto. E la legge elettorale è il simbolo di un governo che non si limita a predicare le riforme ma le fa sul serio. Abbiamo promesso e abbiamo mantenuto", dice poi il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. "E' ingeneroso dire che non c'è stato confronto" sulla legge elettorale, "è ingeneroso sia per la maggioranza che per l'opposizione. C'è stato confronto sia nelle commissioni che in Aula". "Ovviamente rispetto il ruolo del Presidente della Repubblica: non tiro per la giacchetta Mattarella - aggiunge -. Però, siccome è un costituzionalista, sono convinta che, dall'alto della sua preparazione, la firmerà".

I no all'Italicum alla Camera "non sono tutti nel Pd. Il punto è che in uno dei momenti più difficili della legislatura c'è stata la volontà molto forte di rispettare l'azione riformatrice del governo", ha spiegato il vicesegretario Lorenzo Guerini.

La minoranza del Pd ha votato contro, come anticipato da Gianni Cuperlo. "Cosa fatta capo ha. C'è stato un dissenso abbasta ampio, un dato politico non poco rilevante", ha detto dopo il voto Pier Luigi Bersani.

Opposizioni fuori dall'Aula -Fi, M5S, Lega Nord, FdI e Sel hanno abbandonato l'Aula in segno di protesta dopo le dichiarazioni di voto.

"Appena votata la legge elettorale con la risicatissima maggioranza di Renzi. Black bloc Renzi ha massacrato la democrazia". Lo scrive in un tweet Carla Ruocco, membro del direttorio M5s, commentando il via libera della Camera all'Italicum. In Aula il movimento pentastellato ha chiesto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di non firmare l'Italicum. "Ci rivolgiamo a lui - dice durante le dichiarazioni di voto Danilo Toninelli - perché tra pochi giorni giungerà sulla sua scrivania questa schifosa legge e lui dovrà decidere se firmarla. Noi chiediamo di non firmarla" perché ha "gli stessi principi di incostituzionalità del Porcellum". E' una "scelta molto coraggiosa ma necessaria: serve per la libertà". "Il M5S 'non ci sta' al voto segreto sull'Italicum e, a questo punto, lascerà l'Aula", aveva chiarito poco prima all'Adnkronos Toninelli. "Noi abbiamo sempre detto: mettiamoci la faccia. E' stato chiesto il voto segreto" perché, a detta di Toninelli, "le forze di opposizione non garantiscono tutti i voti contrari".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.


04 / 05 - 23:07 |
achille57
segnala un abuso

L'ennesima porcata ,solo che questa volta invece di chiamarla "porcellum" propongo di chiamarla " LARDELLUM" in onore di Renzi e del suo compaesano Lardo di Colonnata.