Cerca

Giorno della Memoria, Mattarella: "Antisemitismo non completamente debellato"

POLITICA
Giorno della Memoria, Mattarella: Antisemitismo non completamente debellato

Giorno della memoria, foto d'archivio del Memoriale della Shoah al Binario 21 (FOTOGRAMMA)

"E' un'illusione alzare muri'', perché ''i nazionalismi generano diffidenza, rivalità crescenti, contrapposizioni, ostilità: una china pericolosa che abbiamo vissuto nel Novecento''. Lo ha sottolineato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, celebrando al Quirinale il Giorno della Memoria.


''Auschwitz ci ricorda, ci insegna ogni giorno di quali orrori può essere capace l'uomo, anche il più istruito e apparentemente civilizzato, se si lascia catturare dall'odio, dal fanatismo, da teorie aberranti. Odio, fanatismo e aberrazioni - ha ricordato il capo dello Stato - che purtroppo anche oggi spargono sangue innocente in tante parti del mondo, mettendo a rischio la pace, la civiltà e la convivenza. L'antisemitismo che, talvolta, si fa schermo di forme di antisemitismo non è mai completamente debellato''.

In mattinata i tweet di Renzi e Boschi. "Ricordo i viaggi ad Auschwitz con Nedo e gli studenti. Mai più! #giornatadellamemoria" scrive su Twitter il premier Matteo Renzi, mentre il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi twitta: "Io non dimentico. Oggi. E per sempre".

Per Renzo Gattegna, presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, al Quirinale per la celebrazione della giornata della Memoria, "gli orrori compiuti nei lager, ai quali si è arrivati anche a causa di gravissime responsabilità italiane, che ancora oggi spesso si finge di ignorare o si cerca maldestramente di minimizzare, rappresentano la caduta nel baratro della condizione umana e la negazione di ogni diritto fondamentale. Dopo Auschwitz, il mondo non è stato più lo stesso".

In occasione del giorno della Memoria, manifestazioni in tutta Italia: con cerimonie, iniziative e incontri in diverse città si ricordano oggi tutte le vittime della Shoah. A Roma è inoltre prevista anche una fiaccolata per gli stermini dimenticati. Il corteo per ricordare rom, sinti, camminanti, omosessuali, transessuali, disabili, Testimoni di Geova morti nei lager nazisti partirà alle 18 da Piazza dell'Esquilino per concludersi a Via degli Zingari ed è organizzato da Opera Nomadi e dal Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.