Cerca

Lettera degli aquilani ai romani: "Bertolaso sindaco? Qui ha fatto solo danni"

POLITICA
Lettera degli aquilani ai romani: Bertolaso sindaco? Qui ha fatto solo danni

GUIDO BERTOLASO, EX CAPO DELLA PROTEZIONE CIVILE, ARRIVA ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI PERUGIA, ACCOMPAGNATO DAI SUOI AVVOCATI, PER ESSERE ASCOLTATO NELL'AMBITO DELLE INDAGINI DELL'INCHIESTA SUGLI APPALTI DEI 'GRANDI EVENTI' CHE LO VEDE INDAGATO PER CORRUZIONE. (Marco Giugliarelli / Fotogramma/giacominofoto, PERUGIA - 2011-03-08) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

"Bertolaso, ma non ti vergogni neanche un po’?". A scriverlo, in una lettera rivolta ai cittadini romani, sono il Comitato 3e32 /CaseMatte, Appello per L’Aquila, Link Studenti Indipendenti L’Aquila, Unione degli Studenti L’Aquila, Legambiente L’Aquila, Asilo Occupato L’Aquila. Nella missiva, che segue le dichiarazioni di Guido Bertolaso - candidato sindaco al Campidoglio per il centrodestra - che ha definito Roma una città "terremotata", le associazioni si rivolgono ai romani.


"Cari romani, con questa lettera vorremo cercare di raccontarvi brevemente tutti i danni, le speculazioni e le ingiustizie che ha causato Guido Bertolaso sul nostro territorio: L’Aquila", scrivono. Il 30 marzo 2009, una settimana prima del terremoto, Bertolaso organizzò la commissione grandi rischi all'Aquila, ricordano. "Per effetto di questa 'operazione' molte persone sono rimaste serene nelle proprie case la notte del terremoto", sottolineano.

"Fin da subito dopo il terremoto, Bertolaso, commissario per l’emergenza, ha utilizzato i suoi poteri per ostacolare in tutti i modi la partecipazione e l’autorganizzazione della popolazione - proseguono - vietando assemblee e volantinaggi nelle tendopoli, trasferendo metà della popolazione in altre città e in altre regioni, e reprimendo ogni tipo di protesta, grazie alla complicità del prefetto e vice commissario Franco Gabrielli".

"Con le palazzine del Progetto Case e le sue 19 'new town' Bertolaso ha sostanzialmente contribuito alla devastazione del territorio aquilano - sostengono - occupando circa 460 ettari fuori città (più dell’estensione del centro storico aquilano) e favorendo, grazie alla deroga sugli appalti dovuta all’emergenza, le imprese che hanno costruito tali alloggi ad un costo intorno ai 3mila euro a metro quadro". E, ancora, proseguono le associazioni, "dopo 5 anni in alcuni di questi Progetti Case antisismici sono crollati i balconi e senza che ci fosse bisogno di un terremoto".

"Il nostro è un appello ai romani (e a tutta Italia) - aggiungono - questi personaggi appartenenti alla classe politica, che si definiscono come 'tecnici' o 'bipartisan' in realtà nascondono la peggiore politica".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.