Cerca

"Meloni faccia la mamma", bufera su Bertolaso. Lorenzin: "Italia non è un Paese per donne"

POLITICA
Meloni faccia la mamma, bufera su Bertolaso. Lorenzin: Italia non è un Paese per donne/Video

Guido Bertolaso e Giorgia Meloni (Foto Fotogramma)

"Mai detto che la maternità precluda degli obiettivi, la mia idea di #Roma é una città che supporta veramente le mamme con servizi adeguati". Così il candidato sindaco di Roma, Guido Bertolaso, in un tweet.


L'ex capo della Protezione civile prova a correggere il tiro dopo aver detto, intervistato dal programma di La7 'Fuori Onda': "La Meloni deve fare la mamma", in riferimento a un possibile ticket con l'esponente di Fratelli d'Italia. "Voglio chiarire questa battuta sulla mamma che ho detto ieri sera riferendomi a Giorgia Meloni - ha poi aggiunto durante il programma di Rai Radio2 'Un Giorno da Pecora'- Prima ho detto che in questo periodo della sua vita dovrebbe fare la mamma e poi ho chiarito. Ho spiegato che la gravidanza, una delle pagine più belle della vita di una donna, non deve essere vissuta facendo campagna elettorale. Peraltro una campagna elettorale così aspra e violenta''. Ma questo non significa, ha chiarito l'ex capo della Protezione civile, che non si deve candidare. ''Se lo fa è un suo diritto: è un leader politico, una donna in gamba ed energica, può anche decidere di farlo''. Nessuna preoccupazione per il clamore mediatico che sta provocando questa sua ''battuta'': ''Le bombe sporche in campagna elettorale ci sono sempre''.

A Bertolaso, pronto a fare un passo indietro se Meloni si dovesse candidare in nome e per conto di tutto il centrodestra, replica la diretta interessata: "Dico con garbo e orgoglio a Guido Bertolaso che sarò mamma comunque e spero di essere un'ottima mamma, come lo sono tutte quelle donne che tra mille difficoltà e spesso in condizioni molto più difficili della mia riescono a conciliare impegni professionali e maternità".

"Casalinga e obesa?", Bedori (M5S) si leva qualche sassolino

SPAZIO Sondaggi Vedi Tutti
Mamma e sindaco insieme? / Vota. Secondo voi il ruolo di mamma e quello di sindaco sono inconciliabili?
Si
No
Non so
Guarda il risultato
I sondaggi online di Adnkronos.com non hanno valore statistico, trattandosi di rilevazioni basate su un campione non elaborato scientificamente. Lo scopo dei sondaggi è esclusivamente quello di conoscere le opinioni dei lettori sui temi di attualità proposti

 

Una frase che non poteva passare inosservata. "Bertolaso altri due attacchi alla mamma Meloni e la voto! Paesi con natalità più alta? Dove c'è maggior occupazione femminile", scrive su Twitter il candidato sindaco di Roma Alfio Marchini.

Alle parole di Bertolaso replica duramente il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: ''Questo Paese non è per le donne. Ciò che sta accadendo in questi giorni è incredibile, rivela una misoginia di fondo''.

"Nella mia esperienza personale - continua Lorenzin - la maternità mi ha ulteriormente arricchita. C’è, come si è visto nel dibattito di questo periodo, un tema che riguarda la questione femminile, che non si riduce al fatto di ricoprire o meno un ruolo apicale, ma che rivela una sottovalutazione del ruolo della donna. Credo che i tempi siano più che maturi per leadership femminili e certamente, di fronte ad atteggiamenti come questi, è il momento di darsi da fare per dimostrare di cosa siamo capaci. Faccio alla Bedori e alla Meloni i miei auguri e dico loro: chi vi critica in quanto donne non vi merita''.

L'invito a scusarsi arriva da Francesco Storace: "In questo mondo di folli che mettono benzina al motore dei Cinque stelle, spero che Guido Bertolaso riesca almeno a trovare le parole per scusarsi con le donne. Bofonchiare in Tv alla Meloni che deve fare la mamma significa offendere in maniera greve il genere femminile. Un sindaco, ad esempio, ha tra i suoi compiti la realizzazione di asili nido aziendali per non costringere le donne a scegliere tra la maternità e il lavoro. Ma questa specie di cowboy proveniente dal Texas non sa di che parla, altro che uomo del fare".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.