Cerca

Roma, Commissione Trasparenza convoca Muraro e vertici Ama

POLITICA
Roma, Commissione Trasparenza convoca Muraro e vertici Ama

(AdnKronos)

La commissione capitolina alla Trasparenza convoca i vertici Ama e l'assessore all'Ambiente della Giunta Raggi Paola Muraro per fare chiarezza sulle varie consulenze svolte dall'assessore fino alla data del suo insediamento e, su richiesta del M5S, guardare più a fondo nella gestione di appalti e consulenze da parte della partecipata di Roma Capitale degli ultimi 8 anni. È la decisione emersa dalla riunione della Commissione che si è tenuta stamattina su convocazione del consigliere Fdi-An Fabrizio Ghera.


"Chiediamo lumi all'azienda - ha detto Ghera - abbiamo fatto richiesta di accesso agli atti e abbiamo avuto il dato di tutti gli affidamenti fatti a Muraro da Ama negli ultimi 12 anni. L'ultima fattura è una richiesta di pagamento di 57mila euro del 30 giugno di quest'anno. Se la fatturazione è stata liquidata entro il 7 luglio, data in cui Muraro è stata nominata assessore, sarebbe grave perché avrebbero anticipato la sua fattura, ma se non fosse stata ancora liquidata chiedo di sospendere il pagamento per vedere se c'è un conflitto d'interesse, perché dal momento in cui ha accettato l'incarico l'assessore non può più ricevere compensi o è palese l'incompatibilità. Non sto dicendo che è illegale, ma gravemente inopportuno. E soprattutto vogliamo sapere se l'assessore intende rinunciare alla richiesta di 200mila euro all'azienda per il brevetto avanzata a maggio".

Il presidente della Commissione, il consigliere Pd Marco Palumbo, ha sottolineato che "è compito di questa commissione fare un po' di chiarezza, procedendo alla convocazione dell'assessore Muraro e dei vertici dell'azienda". Proposta raccolta dalla vicepresidente della commissione, la consigliera del M5S Monica Montella che ha proposto di compiere "un vero monitoraggio degli appalti perché ci sono sprechi gravi: questo è il tipo di battaglia che dobbiamo fare, non il solito chiacchiericcio".

La proposta di monitoraggio permanente di Ama, ma anche di altre partecipate strategiche come Atac, è stata sostenuta dal presidente della Commissione Ambiente, il 5 stelle Daniele Diaco: "La commissione trasparenza non è un commissariato - ha sottolineato - ma sarebbe bene fare un discorso a ritroso: andrebbe verificato anche il passato di Ama e fatto uno screening dei 45 dirigenti che sappiamo impiegati e sono frutto di nomine politiche. A mio avviso questo non è avvenuto in anni passati, propongo di partire dal 2008: diciamo dall'era Panzironi a quella Fortini fino ad oggi. Vorrei un'operazione trasparenza anche sulla parte dirigenziale di questa azienda - ha concluso Diaco - e anche sulle cooperative che hanno prestato servizio in Ama per capire se hanno fatto quello che dovevano".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.