Cerca

Strage via D'Amelio, Mattarella: "Troppi errori nella ricerca della verità"

POLITICA
Strage via D'Amelio, Mattarella: Troppi errori nella ricerca della verità

(Fotogramma)

"La tragica morte" di Paolo Borsellino, "insieme a coloro che lo scortavano con affetto, deve ancora avere una definitiva parola di giustizia. Troppe sono state le incertezze e gli errori che hanno accompagnato il cammino nella ricerca della verità sulla strage di Via D’Amelio, e ancora tanti sono gli interrogativi sul percorso per assicurare la giusta condanna ai responsabili di quel delitto efferato". Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del plenum del Csm, riunitosi per commemorare l'uccisione del magistrato e della sua scorta avvenuta 25 anni fa.


"Paolo Borsellino non si è mai arreso - ha sottolineato -, non ha mai rinunciato a sviluppare il suo progetto di legalità, anche quando era diventato ormai consapevole di essere vittima predestinata della mafia. Come disse ad un giornalista, sapeva di camminare 'con la morte attaccata alla suola delle scarpe'. Paolo Borsellino ha combattuto la mafia con la determinazione di chi sa che la mafia non è un male ineluttabile ma un fenomeno criminale che può essere sconfitto".

"Sapeva bene - ha detto ancora il Capo dello Stato - che, per il raggiungimento di questo obiettivo, non è sufficiente la repressione penale ma è indispensabile diffondere, particolarmente tra i giovani, la cultura della legalità. Proprio per questo era impegnato molto anche nel dialogo con i giovani, convinto che la testimonianza di valori positivi promuove una società sana e virtuosa, in grado di emarginare la criminalità".

"Il 19 luglio di venticinque anni fa, alle cinque del mattino, stava proprio scrivendo la risposta a una lettera inviatagli dalla preside di un liceo di Verona. La missiva è rimasta incompiuta - ha concluso Mattarella - ma costituisce una testimonianza di grande forza dell'importanza della formazione delle nuove generazioni".

Nel giorno del 25esimo anniversario della strage di via D'Amelio, Rita Borsellino, sorella di Paolo, ha detto: "La ricerca della verità si fa sempre. Parlo spesso di coriandoli di verità perché è diventato un tema carnascialesco. Cosa mi aspetto? Che ci sia verità. Abbiamo questa mania dei numeri, mi aspetto che il 26esimo anno, il prossimo, lo possiamo celebrare come l'anno della verità".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.