Limite due mandati, il cinquestelle Fucci si ribella: "Va abolito"

POLITICA
Limite due mandati, il cinquestelle Fucci si ribella: Va abolito

(Fotogramma)

La regola del limite di due mandati "non si concilia" con il buon governo e "ormai è un problema che spero venga affrontato presto, anche perché sarò il primo a esserne colpito". A parlare in un'intervista al 'Foglio' è Fabio Fucci, il sindaco di Pomezia nell'occhio del ciclone per l'endorsement a Valentina Corrado, la consigliera M5S candidata alle regionarie nel Lazio. Fucci è stato eletto nel 2011 in Consiglio comunale e due anni dopo divenne sindaco di Pomezia.


"Ecco, la mia possibilità di fare politica nel Movimento finisce qui". E a chi lo accusa di pensare al suo tornaconto Fucci risponde: "Se pensassi al mio tornaconto obbedirei e chiederei un incarico tecnico, non elettivo, aggirando la norma. Invece voglio aprire un dibattito per rimuovere una regola ormai anacronistica". "E un principio che risale alla fondazione del Movimento - aggiunge - quando aspiravamo a eleggere qualche consigliere comunale. Adesso puntiamo a governare. Le regole devono cambiare".

Fucci, già oggetto di un post di fuoco sul blog di Grillo che sottolineava il divieto di fare endorsement a candidati, torna a parlare anche di Valentina Corrado, la consigliera residente a Pomezia in corsa per le regionarie, definendola "una ragazza competente, che si è fatta apprezzare sul territorio per la sua serietà. La conosco da anni: io ero consigliere comunale e lei una ragazza che si avvicinava ai banchetti che facevo la domenica. Oggi tra noi c'è un rapporto ottimo, sia dal punto di vista personale sia dal punto di vista politico". Quanto all'altra candidata alle regionarie del M5S, la deputata Roberta Lombardi, Fucci dice: "Non rispondo agli insulti della Lombardi. Faccio a tutti i candidati gli auguri per la loro campagna elettorale e per il loro futuro". "Anche perché - aggiunge - dopo tutto quello che ho detto...Verrò sicuramente espulso".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.