Home . Fatti . Politica . Candidato M5S balla con Spada, Pd all'attacco

Candidato M5S balla con Spada, Pd all'attacco

POLITICA
Candidato M5S balla con Spada, Pd all'attacco

Il post del consigliere regionale Pd Eugenio Patanè (Facebook /Eugenio Patanè)

Un balletto con il pugile del clan Spada mette nei guai il candidato M5S al Senato. A scovarlo in un video del 2014 e a denunciarlo sui social è Eugenio Patanè, consigliere regionale del Pd che ha rilanciato una clip pubblicata dal Movimento Cinque Stelle di Frascati in cui Emanuele Dessì, ex consigliere comunale della cittadina laziale ora in corsa per il Parlamento, accenna divertito qualche passo di danza sulle note di 'Happy' insieme a Domenico Spada, boxeur campione del mondo condannato per usura ed estorsione.


"Il movimento dell'onestà - scrive Patanè su Facebook - vorrebbe portare in Parlamento gli amici degli SPADA, accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso. In questo video pubblicato sull'account del #M5s di Frascati, EMANUELE DESSI' candidato nel proporzionale al Senato nel collegio della provincia di Latina balla tutto contento con l'amico DOMENICO SPADA, detto Vulcano, il pugile amico pure dei Casamonica, condannato per usura ed estorsione. Io mi vergogno - accusa ancora il dem - a nome di tutta la gente onesta della provincia di Latina, che dovrebbe essere rappresentata da questi personaggi nelle Istituzioni. Che ne dice Roberta Lombardi, di cui Dessì sarebbe fedelissimo sostenitore?".

A stretto giro arriva però la risposta del diretto interessato, che nega legami con il clan Spada e replica pubblicando la foto del pugile di Ostia in compagnia del ministro Graziano Delrio: "Facevo il pugile e insegnavo pugilato, e ovviamente frequentavo le palestre, anche quella in cui si allenava Domenico Spada. Lo stesso che, nello stesso periodo, veniva insignito del 'Collare d'Oro' proprio da un eminente rappresentante del Pd come Graziano Delrio, con tanto di cerimonia e foto che immortalano assieme l'attuale ministro dei Trasporti e Domenico Spada. Poi, dopo l'avvio dell'indagine, avvenuta successivamente, nel 2015, chiaramente non c'è stato più alcun rapporto, neanche sportivo. Il Pd è sceso veramente in basso e si vede che il MoVimento nel Lazio fa paura a Zingaretti e a tutti i suoi accoliti. Non ultimo Patanè - accusa a sua volta - che viene citato nelle carte dell'inchiesta di mafia capitale".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.