Cerca

Decreto Salvini, il richiamo di Mattarella

POLITICA
Decreto Salvini, il richiamo di Mattarella

(Fotogramma)

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha dato il via libera al decreto legge su migranti e sicurezza. Contestualmente con l'emanazione del provvedimento, il capo dello Stato ha inviato una lettera al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella quale ricorda che "restano 'fermi gli obblighi costituzionali e internazionali dello Stato', pur se non espressamente richiamati nel testo normativo, e, in particolare, quanto direttamente disposto dall'articolo 10 della Costituzione e quanto discende dagli impegni internazionali assunti dall'Italia".


"Signor presidente - scrive Mattarella a Conte - in data odierna ho emanato il decreto legge recante 'Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica nonché misure per la funzionalità del ministero dell'Interno e l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata'. Al riguardo avverto l'obbligo di sottolineare che, in materia, come affermato nella Relazione di accompagnamento al decreto, restano 'fermi gli obblighi costituzionali e internazionali dello Stato', pur se non espressamente richiamati nel testo normativo, e, in particolare, quanto direttamente disposto dall'articolo 10 della Costituzione e quanto discende dagli impegni internazionali assunti dall'Italia".

FONTI PALAZZO CHIGI, ANCHE PER GOVERNO OBBLIGHI CARTA NON IN DISCUSSIONE- Nell'emanare oggi il decreto legge in materia di sicurezza e immigrazione, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nell'esercizio delle sue prerogative, ha sottolineato gli obblighi costituzionali e internazionali dello Stato. Sono obblighi, viene sottolineato da fonti di Palazzo Chigi, che anche per il governo non sono posti in discussione. Il decreto legge in materia di sicurezza e immigrazione adottato dal Consiglio dei ministri, sottolineano le stesse fonti, rientra in un quadro di assoluta garanzia per i diritti fondamentali delle persone e tiene conto delle convenzioni internazionali, dei principi contenuti nella nostra Costituzione e nella Carta europea dei diritti dell'uomo.

LA REPLICA DI SALVINI - A stretto giro è arrivata la replica del ministro dell'Interno, Matteo Salvini: "Il Presidente Mattarella ha richiamato, con una lettera allegata alla firma del mio decreto, l'articolo 10 della Costituzione - ha detto Salvini in una diretta Facebook - figurarsi, io li voglio rispettare tutti gli articoli della Costituzione italiana, italiana. Quindi per me la Costituzione vale dal primo all'ultimo articolo".

Quindi ha aggiunto: "Prima gli italiani significa che mio dovere è rispondere dello stipendio che voi mi pagate, garantendo il diritto alla sicurezza, al lavoro, alla vita, alla pensione, alla salute dei cittadini italiani. Il decreto su migranti e sicurezza in Parlamento "potrà essere migliorato - sottolinea il vicepremier -. Sicuramente non mollo di un millimetro, non tornerò indietro né sulle espulsioni, né sul ritiro delle cittadinanze, né sul controllo dei permessi umanitari".

"L'ho spiegato al Presidente Mattarella - ha rimarcato Salvini - noi rispettiamo la Costituzione, i trattati internazionali, le convenzioni ma non vogliamo passare per fessi". "Se un richiedente asilo sbarca in Italia, fa domanda di asilo politico e nel frattempo spaccia droga, picchia un poliziotto, scippa un anziano, molesta una bambina - ha ribadito il leader della Lega - viene immediatamente convocato dalla commissione prefettizia che gli dice: 'caro mio, tu non sei un profugo, sei un delinquente, primo aereo, primo barcone, primo pedalò, prima mongolfiera, a casa'. Qualcuno dirà: 'ma se è innocente fino a prova contraria'. Se sei beccato in flagranza di reato, se sei condannato in primo grado, se sei ritenuto socialmente pericoloso torni al tuo Paese e poi ne riparliamo".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.