Di Maio: "Babbo Natale? Gli scrivevo io"

POLITICA
Di Maio: Babbo Natale? Gli scrivevo io

(Afp)

Prima Salvini, poi Moscovici, ora anche Luigi Di Maio parla di letterine a Babbo Natale. Dopo il commento ironico e piccato del leader leghista alla bocciatura della Manovra da parte dell'Ue - con replica del commissario europeo affidata alle pagine del Corriere della Sera - ecco il pentastellato 'correggere' il collega vicepremier: "Io di solito le scrivo, le scrivevo. Spero un giorno - aggiunge - di farlo per i miei figli".


La querelle che ha coinvolto Santa Claus nella politica italiana era iniziata nel giorno della bocciatura della legge di bilancio. "E' arrivata la lettera di Bruxelles? Va bene, aspettiamo quella di Babbo Natale", aveva inizialmente commentato Matteo Salvini accogliendo la decisione dell'Ue. Risposta per nulla apprezzata dal commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici che dal Corsera, per nulla divertito dalla battuta, aveva tuonato: "Non mi sono messo il vestito rosso o la barba bianca e non sono Babbo Natale: sono il commissario agli Affari Economici e penso si debbano trattare queste questioni con rispetto reciproco, serietà e dignità". Oggi il nuovo - e forse ultimo - capitolo della polemica.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.