Home . Fatti . Politica . Filetto e Schioppettino, alla fine Conte paga per tutti

Filetto e Schioppettino, alla fine Conte paga per tutti

POLITICA
Filetto e Schioppettino, alla fine Conte paga per tutti

(Foto Adnkronos)

Antipasto con insalata di cuore di carciofi e polpo patate e menta, accompagnato da focaccia cotta al forno a legna. Niente primi ma solo secondi, con tagliata di filetto danese e calamari alla griglia con cicoria e broccoletti ripassati. Il tutto innaffiato da un rosso Schioppettino. Questo il menu della cena post Juncker tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini al ristorante 'Arancio d'oro', a pochi passi da Piazza di Spagna.


Ieri sera, rientrato da Bruxelles Conte è uscito a piedi da Palazzo Chigi insieme ai due 'azionisti' del governo per andare a cena nel ristorante romano, dove l''avvocato del popolo' è di casa. Nonostante il braccio di ferro con i vertici europei sui numeri del deficit, "erano tutti abbastanza rilassati e il clima mi è sembrato disteso - racconta all'Adnkronos Luigi, proprietario del locale -. Conte è un nostro cliente fisso, ha portato lui Di Maio e Salvini". Al termine della cena "c'è stata una gara a pagare il conto. Tutti volevano pagare ma alla fine il conto l'ha saldato il premier e Di Maio e Salvini l'hanno ringraziato", dice ancora il gestore. Conte, spiega, "ha mangiato poco perché qualcosa già aveva mangiato in aereo di ritorno da Bruxelles". Ma tutti "hanno apprezzato la cena e sono rimasti soddisfatti. Non hanno sprecato nulla...". "Contento" anche Salvini, che ha ordinato calamari e puntarelle. Non poteva mancare il vino nella cena del 'tridente' di governo. "Hanno ordinato un rosso Schioppettino", conclude Luigi.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.