Rai, domani le nomine in Cda

POLITICA
Rai, domani le nomine in Cda

(Fotogramma)

di Veronica Marino


Domani sul tavolo del Cda Rai, a quanto si apprende, ci saranno tre nomine, quella di Monica Maggioni ad amministratore delegato di Raicom, quella di Marcello Foa a presidente della stessa società e quella di Gianpaolo Tagliavia ad amministratore delegato di Rai Pubblicità.

Raicom, il braccio commerciale della Rai, avrebbe quindi come presidente, il presidente della Rai. Un fatto nuovo, che fa scattare subito una domanda: Marcello Foa, che attualmente prende un compenso di circa 180mila euro, cumulerebbe a questo un compenso aggiuntivo? L'interrogativo nasce dal fatto che all'epoca dell'allora dg Gubitosi si decise, per risparmiare, che i consiglieri delle consociate Rai dovessero essere scelti in seno all'Azienda. Cosa accadrà per Foa? Già c'è chi in Viale Mazzini fa, comunque, notare che attualmente tutti i dirigenti Rai che siedono nei cda delle consociate riversano i loro compensi alla stessa Rai. Beh Foa, va detto, non è un dirigente, ma qualche mal di pancia non manca.

Per Raicom c'è dell'altro: sul tavolo del Cda Rai di domani dovrebbe esserci anche la nomina del consigliere Rai Igor De Biasio a consigliere della società che gestisce la distribuzione e la commercializzazione nel mondo dei programmi Rai.

Sul fronte di Rai Pubblicità invece, dove resta presidente Antonio Marano, sembra che Salini abbia pensato a Gian Paolo Tagliavia per il ruolo di amministratore delegato perché nella società concessionaria per la pubblicità sulla Rai c'erano questioni da risolvere in fretta e Tagliavia sembrava la persona giusta da poter piazzare subito, senza perdere altro tempo visto che la concessionaria del gruppo Rai è senza amministratore delegato già da un anno. Tagliavia dovrebbe tenere transitoriamente anche il suo attuale ruolo di Chief Digital Officer Rai. Nel consiglio di amministrazione di Rai Pubblicità dovrebbero, infine, arrivare i due consiglieri Rai Giampaolo Rossi e Beatrice Coletti.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.