Tridico all'Inps, c'è l'intesa

POLITICA
Tridico all'Inps, c'è l'intesa

(Fotogramma)

Pasquale Tridico commissario Inps, Francesco Verbaro subcommissario "al 99%". Pronti, in seconda battuta, ad assumere la governance dell'Istituto di previdenza, il primo in qualità di presidente e il secondo di vice. Sarebbe questo l'accordo raggiunto da M5S e Lega sull'Inps e che già domani dovrebbe approdare in Cdm.


Per la successione a Tito Boeri, il cui mandato è scaduto lo scorso sabato, lo schema adottato - dopo l'accordo raggiunto in queste ore tra M5S e Lega - sarebbe quindi quello con Tridico prima commissario e poi presidente. Nodo ancora da sciogliere per il ruolo di direttore generale, che secondo gli ultimi rumors dovrebbe essere appannaggio di Mauro Nori, nome dato in quota Lega

"Non conosco il professor Pasquale Tridico e non sono in grado di giudicarlo come amministratore di un ente importante come l'Inps, che entra in tutte le case e i posti di lavoro degli italiani (e non solo)", è la premessa che pone con Adnkronos/Labitalia, Giuliano Cazzola, uno dei massimi esperti di previdenza italiana e soprattutto grande conoscitore della macchina previdenziale (è stato presidente dei collegi dei sindaci di Inpdap, prima, e di Inps, poi).

Ma, avverte Cazzola, "conosco l'Istituto (compresi gli enti che sono stati incorporati nel 'gigante' di via Ciro il Grande) perché vi ho trascorso, svolgendo ruoli importanti, ben 13 anni della mia vita". "Ho conosciuto tanti presidenti dell'Inps, sia di designazione sindacale, quando questa era la regola, sia nominati dal governo", ricorda. "Sulla base della mia esperienza, posso solo dire che, in un momento come questo, l'Istituto avrebbe avuto la necessità di essere diretto da persone più sperimentate, i cui nomi erano circolati, come Alberto Brambilla (che non è soltanto uno dei più importanti esperti di previdenza del Paese, ma che ha già fatto parte del cda dell'ente) o come Mauro Nori che è stato a lungo direttore generale, dopo aver ricoperto altre funzioni dirigenziali di importanti settori", conclude.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.