Cerca

Piano industriale Rai, ecco le nuove sfide

POLITICA
Piano industriale Rai, ecco le nuove sfide

(Foto Fotogramma)

di Veronica Marino


Il piano industriale Rai 2019-2021, a quanto apprende l'Adnkronos, individua otto sfide strategiche. Essere rilevanti sui segmenti in crescita che stanno abbandonando la tv tradizionale, in particolare i giovani under 35 e gli utenti che accedono ai contenuti su piattaforme digitali e on demand, mantenendo allo stesso tempo il target tradizionale; recuperare al più presto il gap accumulato in termini di offerta digitale, in particolare sul mondo news; investire nella capacità di sviluppare contenuti innovativi e distintivi per costruire un asset strategico di differenziazione competitiva valido anche sulle piattaforme digitali; superare la dispersione di risorse e il mancato sfruttamento di sinergie che caratterizzano l'attuale modello a silos, vale a dire verticale. E ancora, profilare al meglio i propri utenti, partendo dalla comprensione dei loro percorsi mediatici e da basi analitiche che migliorino la profilazione, per l'appunto, e la valorizzazione del target; gestire il progressivo spostamento del baricentro da offerta tradizionale a offerta digitale anche attraverso modelli organizzativi che facilitino lo sviluppo di contenuti cross-piattaforma e una efficace allocazione delle risorse finanziarie; recuperare una maggiore capacità di incidere sui modelli produttivi e sull'evoluzione dei costi di produzione ed infine gestire, a parità di risorse, l'ampliamento di perimetro previsto dal Contratto di Servizio.

La Prova del Cuoco - Il piano si sofferma molto sulla strategia integrata multipiattaforma da mettere in campo. E a tal proposito indica ‘La Prova del Cuoco’ come un esempio di brand, dal grande valore, che ha un potenziale multipiattaforma ancora inespresso. I contenuti, infatti, secondo il piano industriale, sono ideali e prodotti per avere la maggiore resa possibile sulla tv tradizionale e per consolidare lo storico successo del programma. Su RaiPlay, inoltre, ci sono le puntate andate in onda sulla tv con un servizio archivio (di non semplice navigazione, però) che arriva fino alle 3 stagioni precedenti a quella in onda. Manca, però, un portale dedicato al programma, nonostante un potenziale rilevante; la radio non è utilizzata e il mobile app non prevede interazione. Le opportunità già esistenti possono essere colte meglio: le puntate, infatti, sono riproposte con un minimo editing sui social e facebook ha un buon seguito, mentre twitter ha un numero di follower inferiore al potenziale e Instagram non è presidiato. Insomma ‘La Prova del Cuoco’ potrebbe aumentare la copertura sui diversi media associando alla storica copertura televisiva piattaforme in linea con i pubblici più giovani e quindi radio, web, social.

Rai Academy - Il piano Rai dedica un capitolo allo sviluppo delle risorse umane e in tale spazio si sofferma su Rai Academy, nata circa tre anni fa come scuola di formazione per aggiornare i professionisti della Rai e poi sostanzialmente rimasta al palo. Ecco, il piano industriale ora la individua come strategica per sviluppare e promuovere tutta la formazione di servizio dell'azienda e quindi valorizzare le esperienze e le competenze di ciascun dipendente. Una leva, quindi, per il change management e la valorizzazione del capitale umano dell'Azienda affinché la Rai possa affrontare meglio le sfide della rivoluzione digitale e della trasformazione in Media Company digitale del Servizio Pubblico. Le principali linee di intervento di Rai Academy individuate dal piano industriale sono tre: migliorare la conoscenza del capitale umano di Rai e del potenziale di sviluppo; sviluppare azioni formative e di orientamento che aiutino le persone Rai a vivere il cambiamento come protagonisti; attirare, selezionare ed accogliere i talenti migliori.

Modello X Factor - Il programma 'X Factor' è un esempio, anche in Italia, di ingaggio utente su più canali e di incentivazione della cross-promozione tra target. In sostanza è preso ad esempio come un programma in grado di ingaggiare nuova audience rispetto ai suoi contenuti estesi sia su Sky Go che su Rtl 102.5 e YouTube; è in grado poi di estendere l'interesse del pubblico più affezionato, oltre la puntata, sia su Sky Uno, che su xfactor.sky.it e su Spotify. E ancora, 'X Factor' è indicato come esempio perché programma che attrae nuovi pubblici utilizzando come leva i più appassionati che ne parlano sui social, da Facebook a Instagram a Twitter.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.