Cerca

Chi è Paolo Arata

POLITICA
Chi è Paolo Arata

(fermo immagine da You Tube)

Docente universitario, ex deputato di Forza Italia ed ex consulente della Lega per l'energia, Paolo Arata è stato arrestato oggi assieme al figlio Francesco con l'accusa di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni. Secondo la Dda di Palermo entrambi sarebbero soci occulti dell'imprenditore trapanese dell'eolico Vito Nicastri, anche lui finito in carcere con il figlio Manlio.


Il nome di Paolo Arata non è nuovo alle cronache. Nato a Genova nel 1950, una laurea in biologia, docente di Ecologia, l'ex deputato forzista è indagato nell'inchiesta sull'eolico insieme all'ex sottosegretario leghista Armando Siri. Secondo la procura Arata avrebbe "dato o promesso" all'ex sottosegretario 30mila euro in cambio di una norma di favore sull'eolico. Sempre secondo i pm, Arata sarebbe socio occulto di Nicastri, ribattezzato 'il re dell'eolico' e per gli inquirenti vicino al boss latitante Matteo Messina Denaro.

Quanto al rapporto con Siri, accusato di essersi speso per fargli ottenere un posto nel governo, Arata ha sempre respinto le accuse. "Non ho nella Lega alcun ruolo politico - ha raccontato tempo fa in un'intervista al Corriere della sera -. Mi sono limitato a parlare bene di Siri con le persone che conosco avendone considerazione e stima".

Ma sui rapporti tra Lega e Arata i pm non hanno dubbi. "Le investigazioni effettuate hanno svelato lo stretto collegamento tra Paolo Arata ed esponenti del partito della Lega, in particolare Armando Siri, stimolato da Arata a promuovere una modifica regolamentare degli incentivi connessi al mini-eolico".

Nel luglio 2017 Arata era stato ospitato dalla Lega a un convegno a Piacenza e aveva partecipato alla stesura del programma della Lega di Matteo Salvini, diventando consulente delle tematiche ambientali del Carroccio. Dal canto suo, a chi gli chiedeva conto del rapporto tra Lega e Arata, Salvini ha detto più volte di averlo "incontrato soltanto una volta".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.