Cerca

Salvini convoca ministri Lega

POLITICA
Salvini convoca ministri Lega

Foto dall'account Twitter del ministro dell'Interno Matteo Salvini

Vertice dei ministri della Lega presso la residenza romana di Matteo Salvini. Un meeting, convocato alle cinque per fare il punto sulla situazione, con particolare riguardo alla necessità di dare le giuste risposte a Bruxelles, dopo la minaccia di procedura di infrazione. Il leader della Lega avrebbe ribadito, a quanto apprende l'Adnkronos, di voler fare di tutto per evitare la procedura di infrazione senza però abbassare la testa con i vertici Ue. "Vogliamo il dialogo ma non caleremo le braghe, vogliamo andare avanti", dice a mezza bocca uno dei partecipante all'incontro. L'incontro, durato circa un'ora e mezza, ha visto al tavolo il ministro dell'Interno, Matteo Salvini con il sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri Giancarlo Giorgetti e tutti i ministri del Carroccio, dalla titolare della Pa, Giulia Bongiorno, alla ministra delle autonomie, Erika Stefani, il ministro dell'agricoltura, Gian Marco Centinaio, quello della famiglia Lorenzo Fontana, e quello della pubblica Istruzione Marco Bussetti. Bocche cucite dai ministri che hanno lasciato Piazza Grazioli intorno alle 18.30, alla spicciolata. Se la cava con una battuta Giorgetti: "Sono andato a fare la spesa da Salvini", dice mostrando un pacco, prima di salire in macchina. Per Centinaio invece "è un normale incontro come ne facciamo tanti tra di noi", per poi aggiungere: "non posso dire altro...". "Ho visto tutti i ministri della Lega, abbiamo parlato di tutto ognuno per i dossier di competenza sulle cose da fare" ha detto all'Adnkronos Matteo Salvini che, poi, in serata ha postato la foto del team. Ed eccola, scrive nel primo tweet, dopo il vertice avuto con i ministri e il sottosegretario alla presidenza Giancarlo Giorgetti: "La squadra di governo della Lega, un gruppo di amici con cui abbiamo messo a punto le nostre proposte sulla riforma della scuola (65.000 insegnanti precari avranno finalmente una cattedra definitiva)...". E ancora: le proposte "sul sostegno ai disabili (aumento delle pensioni di invalidità e riconoscimento della Lingua dei Segni), sulla riforma fiscale (taglio delle tasse e liberazione di cantieri e opere pubbliche, impianti sportivi nelle periferie compresi)...". E poi: "Sulla difesa dei prodotti agroalimentari italiani e il superamento della direttiva Bolkestein nonostante l'opposizione dell'Unione Europea...". Infine, le "sull'approvazione dell'Autonomia per rendere l'Italia un Paese più moderno, efficiente e responsabile, sul taglio della burocrazia e l'efficienza degli uffici pubblici. Su sicurezza e immigrazione, su lotta alla mafia e alla droga, sempre avanti con la ruspa".


La giornata è stata lunga. Questa mattina il vertice economico a Palazzo Chigi, voluto dal premier Giuseppe Conte per scongiurare la procedura d'infrazione della Ue. Nel corso dell'incontro, a quanto apprende l'Adnkronos, il ministro dell'Economia Giovanni Tria avrebbe chiesto coperture certe sulla flat tax. Una riunione che il titolare di via XX Settembre, con il vicepremier Matteo Salvini, ha lasciato prima del termine, anche se viene assicurato che l'allontamento dei due prima della fine sia dovuto a impegni in agenda e non a dissidi.

La riunione è quindi proseguita senza i due ministri per affrontare il dossier Alitalia: la parte per evitare la procedura d'infrazione della Ue sarebbe terminata dopo circa due ore. Ci saranno nuovi vertici economici per delineare la strategia che l'Italia intende portare avanti.

Un incontro "sereno e molto positivo - dicono fonti M5S - Tanto lavoro da fare per gli italiani e lo sviluppo del Paese, pensando sempre a famiglie e imprese". Un vertice "molto utile" ha commentato Salvini. "Si è discusso anche su come proseguire il dialogo con la Commissione europea sulla procedura d'infrazione con obiettivo di chiuderla in tempi brevi senza penalizzazioni per il nostro Paese" riferiscono fonti Lega. Quanto alla crisi Alitalia, "sono state valutate le opzioni sul tavolo, prioritariamente le manifestazioni d’interesse pervenute, per definire presto la questione".

Il ministro dell'Economia si è poi recato al convegno del 'Messaggero' 'Obbligati a crescere - Strategie per l'Italia'. Dal palco, Tria ha affermato: "Abbiamo un debito enorme e dobbiamo cercare di abbatterlo" e "tranquillizzare" operatori dei mercati sulla traiettoria discendente dello stock del debito. "Bisogna evitare la procedura Ue" sui conti, ha quindi sottolineato, aggiungendo: "I negoziati con la Commissione Ue sono delle trappole per il Paese e per la stessa Commissione Ue". Per Tria in ogni caso non ci sarà "nessuna manovra correttiva effettiva", ma nel negoziato tra il nostro Paese e la Commissione europea "non va cercato lo scontro, va trovato assolutamente un compromesso". "Un dialogo costruttivo è interesse per l'Italia ma anche per l’Europa, perché quello che può far male all'Italia può far male all'Europa", ha aggiunto il titolare di via XX Settembre. Poi, a margine, a una domanda dei cronisti sul vertice a Palazzo Chigi, ha risposto: sono discussioni "riservate che vanno avanti".

"Il presidente del Consiglio e il ministro dell'Economia andranno a trattare, perché evitare l'infrazione è obiettivo di tutti" ha detto poi Salvini. "Ma non sottoscriveremo accordi che ci impiccherebbero per i prossimi 30 anni"."Conte e Tria sono d'accordo - sottolinea - ne abbiamo parlato stamattina, non aumenteremo alcuna tassa". "Su tagliare spese e costi inutili, mettere sul mercato patrimonio mobiliare e immobiliare infruttuoso siamo disponibilissimi a ragionare", conclude Salvini.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.