Cerca

M5S si spacca su Foa, salta accordo con Lega

POLITICA
M5S si spacca su Foa, salta accordo con Lega

(Fotogramma)

La seduta della Commissione di Vigilanza Rai, convocata questa mattina alle 8 per votare le risoluzioni Pd e M5S sul doppio incarico di Foa, a quanto apprende l'Adnkronos da fonti parlamentari, è partita male con i 5 Stelle divisi a litigare fuori dell'aula e l'inizio dei lavori in ritardo. Se prima di entrare a palazzo San Macuto il gruppo M5S aveva deciso di votare a favore dell'emendamento della Lega, una volta saliti in ascensore devono aver cambiato idea, raccontano i parlamentari presenti. La seduta è stata, quindi, sospesa per 20 minuti perché la maggioranza non era presente e mancava il numero legale. Il gruppo M5S a quel punto è rientrato in Aula dicendo che avrebbe votato l'emendamento originale della Lega, ma dopo 30 secondi ha nuovamente cambiato idea ed è uscito dall'Aula. Di qui una nuova sospensione della seduta per mancanza del numero legale e le proteste di tutti gli altri commissari della Vigilanza.


"Farò presente la gravità della situazione ai presidenti di Camera e Senato" annuncia in Commissione di Vigilanza Rai il presidente Alberto Barachini che scriverà una lettera a Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati dopo quanto accaduto. "Non è mia intenzione rinunciare a nessuno degli appuntamenti della Commissione - scandisce con forza Barachini dopo aver preso atto dell'impossibilità di dare corso all'esame e al voto delle risoluzioni - soprattutto riguardo alle audizioni relative al piano industriale perché questo è un nostro compito preciso ed è previsto dal regolamento della Commissione così come dal contratto di servizio". "Convocherò un ufficio di presidenza per un chiarimento e convocherò anche la Commissione per le prime audizioni sul piano industriale. Inoltre, all'ordine del giorno di ogni riunione della Commissione - fa presente - ci sarà la questione sulla risoluzione che riguarda il presidente Foa. Se la maggioranza non intende proseguire in questa determinazione - è netto Barachini - certamente sarà presente alle audizioni relative al piano industriale perché noi segnaleremo ogni volta l'impossibilità della maggioranza di determinazione rispetto alla governance Rai. Noi dobbiamo andare avanti con il nostro ruolo - chiarisce il presidente - per rafforzare il ruolo di autonomia e garanzia della Commissione".

Barachini fa poi il punto in una nota: "L'impossibilità di svolgere la seduta odierna certifica lo scontro all'interno della maggioranza, che provoca la paralisi dei lavori della Commissione di Vigilanza. Una stigmatizzabile mancanza di rispetto per il ruolo istituzionale della Commissione medesima che non intendo ulteriormente tollerare". E spiega: "Da oltre un mese la Commissione è impegnata nell'esame delle risoluzioni, proposte dai gruppi del Pd e del M5S, relative alla nomina del presidente della Rai, Marcello Foa, alla presidenza della controllata Rai Com. Tali risoluzioni avrebbero dovuto essere votate stamattina - rimarca Barachini - ma ciò non è stato possibile a causa dell'assenza delle forze di governo, che, ancora una volta, non sono state in grado di giungere a una determinazione condivisa in merito". "La Commissione ha in calendario una serie di importanti audizioni finalizzate all'espressione di un parere sul Piano industriale della Rai, che - mette in chiaro il presidente - intendo fermamente proseguire e portare a termine. È mia intenzione tutelare con forza il ruolo e l'autonomia della Commissione che ho l'onore di presiedere e, anche a tal fine, invierò nelle prossime ore una lettera ai Presidenti di Camera e Senato per informarli della gravità della situazione".

Durissima la reazione delle opposizioni su quanto avvenuto questa mattina. "Vigilanza Rai: M5S-Lega divisi su Foa fanno saltare ancora seduta - scrive su Twitter il deputato del Pd e segretario della Commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi - Parlamento bloccato e umiliato, maggioranza per lavorare non c'è più: uniti solo da arroganza contro istituzioni colleghi e funzionari. Stupefacente che colleghi come Di Nicola e Paragone si accodino a tale vergogna". Di "pagina nerissima per il Parlamento" parla il senatore Pd Francesco Verducci intervenendo in Commissione di Vigilanza. "È uno sfregio mai visto. Bloccano la Vigilanza e nel frattempo occupano la Rai" rincara l'esponente democratico. Per Davide Faraone, capogruppo Pd in Commissione di Vigilanza, "è davvero incredibile, il voltafaccia del M5S, dopo aver sostenuto, anche con una mozione, che il doppio incarico di Foa andava risolto, al dunque hanno salvato Foa, facendo mancare il numero legale. La paura di infastidire l’alleato leghista è ormai l’unico fare di un movimento, che è letteralmente allo sbando". E in una nota congiunta i presidenti dei deputati e senatori Pd Graziano Delrio e Andrea Marcucci chiedono "formalmente ai presidenti Fico e Casellati di intervenire per assicurare il voto immediato della Vigilanza sulle mozioni che riguardano il presidente Foa".

In Rai c'è una "paralisi che blocca tutto" e che, abbinata a una "totale assenza di pluralismo", crea una vera a propria "emergenza per la democrazia" l'allarme di Forza Italia, la situazione di Viale Mazzini è arrivata "sotto la soglia di decenza minima". Sono stati Giorgio Mulè, Maurizio Gasparri, Renato Schifani, Andrea Ruggieri e Patrizia Marrocco a lanciare quella che hanno definito una "operazione verità". Lo spunto ai parlamentari FI l'ha offerto proprio la mancata riunione della seduta della Vigilanza di stamattina. "E' stata una puntata di 'Oggi le comiche' - afferma Mulè - C'è un insanabile contrasto nella maggioranza, il M5S ha fatto una riunione in strada e ha fatto mancare il numero legale". Gasparri rincara la dose: "Abbiamo assistito a un balletto inverecondo che ci impedisce di procedere nei lavori e di discutere di cose serie. Il fatto è che nella Rai c'è un abuso di presenza e una assenza di decisioni: stanno dappertutto e non decidono niente e la Rai ne risente". A questo, Forza Italia aggiunge le valutazioni sul pluralismo interno suggerite dagli ultimi dati dell'Osservatorio di Pavia. "E' una situazione di emergenza democratica - dice ancora Mulè - Nei Tg del prime time Conte, Salvini e Di Maio arrivano al 66%, dato che supera il 71% come tempo totale in minuti e l'81% nel totale dei Tg. La democrazia è deviata perché dall’alba a sera la gente non fa che sentire una narrazione univoca e questo è intollerabile. Nemmeno nelle peggiori dittature si arriva a oscurare la voce delle opposizioni".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.