Cerca

Dl crescita, scontro Lega-M5S

POLITICA
Dl crescita, scontro Lega-M5S

(Fotogramma)

E’ scontro tra M5S e Lega sul dl crescita. A scaldare gli animi, in un braccio di ferro che si fa più duro di ora in ora, l’emendamento targato Carroccio che sposta il Fondo sviluppo e coesione per il Meridione dal dicastero del sud guidato dalla grillina Barbara Lezzi alle regioni. Un blitz che ha mandato su tutte le furie la ministra e i vertici pentastellati. A quanto apprende l’Adnkronos, per poter stralciare l’emendamento della discordia con un colpo di bianchetto la Lega avrebbe chiesto un’accelerazione immediata sulle autonomie -ieri al centro di uno scontro tra Stefani e Fraccaro- da portare in Cdm già nei prossimi giorni.


Accelerazione che è infine arrivata. Dopo la riunione, fonti leghiste hanno spiegato che la prossima settimana si discuterà in Cdm delle autonomie. Le stesse fonti hanno sottolineato poi l'"impegno a tutelare i 15.000 lavoratori Ilva". Sull'autonomia fonti del Movimento hanno tuttavia precisato che il testo approderà in Cdm solo dopo la discussione della riforma in un tavolo politico ad hoc, dove bisognerà sciogliere i nodi ancora sul tappeto.

Durante la riunione la ministra per gli Affari regionali e le autonomie Erika Stefani ha informato il Cdm sullo stato avanzato dell'iter di attuazione dell'art. 116 comma terzo della Costituzione, con riferimento alle regioni Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Ha inoltre informato il Consiglio dei ministri dell richieste pervenute dalle regioni Piemonte, Liguria, Toscana, Marche, Umbria e Campania, il cui iter è ancora in fase iniziale".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.