Cerca

Governo, quanto guadagnano i ministri

POLITICA
Governo, quanto guadagnano i ministri

Il più ricco è il premier Giuseppe Conte, con oltre un milione di euro. A seguire nella squadra di governo è il capodelegazione Pd, Dario Franceschini, il ministro che ha dichiarato il reddito imponibile più alto nel 2019: 200.000 euro tondi con alcune variazioni rispetto al 2018 dovute alla cessione di un fabbricato di Ferrara alle figlie e il 50% di una casa a Roma alla moglie. Andando in ordine di 'ricchezza' segue il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, con 160.876 euro di reddito imponibile oltre alla comproprietà di 7 fabbricati tra Roma, Potenza e Milano, ad azioni e derivati in 4 società e al possesso di una Toyota AyGo. Quindi il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, con 153. 832 euro, la comproprietà di un fabbricato a Firenze e una Mercedes classe b. C'è poi il titolare della Difesa, Lorenzo Guerini, con 131.914 euro. La ministra del Lavoro e politiche sociali, Nunzia Catalfo, con 115.290 euro. Il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, con 104. 271 che segnala come variazione rispetto al 2018 l'acquisto di una Bmw Mini Cooper in sostituzione di una Mercedes classe a. A seguire il titolare dell'Economia e finanze, Roberto Gualtieri, che dichiara un reddito imponibile di 104.134 (derivante dall'attività di eurodeputato) e la proprietà un fabbricato a Roma e di una Citroen C4.


Sotto i 100mila euro, di poco, il ministro per gli affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia, con 99.643 euro e la proprietà di un fabbricato di 100 mq Roma, uno di 120 mq a Bisceglie e di una Toyota AYgo. Segue il ministro della Pa, Fabiana Dadone, con reddito imponibile di 98.471 euro, derivante da lavoro dipendente. Il ministro dei rapporti con il Parlamento, Federico D'Inca, dichiara invece 95.863 euro mentre la ministra dell'Agricoltura, Teresa Bellanova, 94.445 euro e rispetto allo scorso anno informa di aver comprato una Passat e aver ceduto il 50% di un immobile a San Cataldo che aveva con il fratello. La ministra delle Infrastrutture e trasporti, Paola De Micheli, ha dichiarato 93.053 euro di reddito imponibile e rispetto all'anno scorso registra la variazione dell'acquisto di fondi investimento Mediolanum per complessivi 54.307, resta inalterato Mercedes classe a e il 50% di fabbricato a Piacenza. Il ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, ha dichiarato invece 84.340 euro e quello del Sud, Giuseppe Provenzano, 81.245 euro oltre a porzioni di proprietà a Palermo, Caltanissetta a Roma, un'Audi A 3 e una Vespa 150.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha dichiarato 77.762 euro insieme all'acquisto di alcune porzioni di immobili a Roma. Quindi il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, con 63.965 che informa di aver rottamato un Piaggio Beverly del 2004. La neo ministra Elena Bonetti ha dichiarato 50.178 euro di reddito imponibile 2018 mentre nella dichiarazione patrimoniale del 2019 risulta il possesso di una Megane. A chiudere è il ministro degli Affari europei, Enzo Amendola, con 45.753 e la proprietà al 50% di una casa a Roma.

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, non ha ancora fornito la dichiarazione 2019. Dai siti istituzionali al momento è assente la scheda della ministra per l'Innovazione, Paola Pisano. Infine, per quanto riguarda il 'sottogoverno' Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ha dichiarato 98.534 euro mentre Andrea Martella, sottosegretario con delega all'Editoria, 25.430 euro. Da segnalare Pierpaolo Silieri, viceministro alla Salute, che ha dichiarato un imponibile di 199.546.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.