Cerca

Zingaretti: "Nessuno sogni crisi per due regioni"

POLITICA
Zingaretti: Nessuno sogni crisi per due regioni

(Fotogramma)

"Nessuno deve sognarsi una crisi di governo per due regioni" che hanno problemi elettorali. Lo ha detto Nicola Zingaretti intervistato dal Tg de La7. Il segretario del Pd ha aggiunto che "il governo vive sulla capacità di fare le cose" e "i risultati si vedono". Ma il Pd "sarà ancora più esigente" con l'esecutivo.


Chiudendo la campagna per le elezioni regionali calabresi a Reggio Calabria, Zingaretti si è quindi appellato "a tutti gli uomini e le donne che magari sostengono altri partiti, alle forze moderate: non c'è dubbio che oggi se noi vogliamo evitare invasione della Calabria della peggiore destra c'è una sola possibilità: votare Pippo Callipo".

"Ma come potete stare in silenzio e accordarvi all'ordine del leader più estremista di destra del dopoguerra in questo nostro Paese?", ha chiesto Zingaretti, per il quale "Salvini è il miglior politico italiano a raccontare le paure degli italiani ma è il peggiore a risolvere i problemi degli italiani. Bisogna combattere l'odio che diffonde Salvini. A chi vi chiede qual è la differenza tra noi e loro, rispondete che lo scontro è tra chi risolve i problemi degli italiani e la demagogia e le urla di chi quei problemi li cavalca creando paure". E sull'episodio del citofono aggiunge: "Abbiamo dovuto vedere la scena immonda di un leader politico che va al citofono di un ragazzo, uno studente a chiedergli se spaccia droga"

"Abbiamo un obiettivo a cui dedicare parte nostra vita - sottolinea il segretario del Pd - e su questo obiettivo dobbiamo investire perché la Calabria ci guarda. L'obiettivo è semplice: dare alla Calabria un grande presidente, Pippo Callipo. E' un obiettivo che nelle prossime 48 ore può diventare possibile se tutti noi ci impegniamo". "Voi non potete regalare la Calabria a chi odia il Mezzogiorno e il Sud di questo Paese, lottate, non potete permetterlo a chi viene qui a fare la spesa per gli interessi della cattiva politica. Questa è la posta in gioco e non si può arretrare di un millimetro", conclude Zingaretti.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.