Cerca

Regionali, vola l'affluenza in Emilia Romagna

POLITICA
Regionali, vola l'affluenza in Emilia Romagna

(Foto Fotogramma)

L'affluenza vola in Emilia Romagna. Cresce anche in Calabria. Alle 19 ha votato il 58,82% degli emiliano-romagnoli. Un dato in forte crescita rispetto al 30,89% registrato alle 19 alle precedenti consultazioni. Alle Regionali in Calabria l'affluenza alle 19 è stata del 35,52%, in aumento di quasi un punto percentuale rispetto al 34,68% registrato alle precedenti consultazioni.


Resteranno aperte fino alle 23 le urne in Emilia-Romagna e in Calabria. Sono quasi 5 milioni e mezzo i cittadini che dovranno scegliere il nuovo presidente della Regione e il Consiglio Regionale.

Emilia-Romagna - Sono oltre 3,5 gli emiliano-romagnoli chiamati al voto. Sono sette, sostenuti da 17 liste, gli aspiranti alla presidenza della Regione: principali contendenti sono il governatore uscente del Partito democratico, Stefano Bonaccini, che corre per il bis, e la sfidante leghista, la senatrice Lucia Borgonzoni, candidata per il centrodestra. Con loro, Simone Benini per il M5s, Stefano Lugli per l'Altra Emilia-Romagna, Marta Collot per Potere al popolo, Laura Bergamini per il Partito comunista, Domenico Battaglia per il Movimento 3V - Vaccini vogliamo verità.

Sono invece 739 i candidati (in crescita rispetto al 2014 quando furono 507) in corsa per uno dei 50 posti nell’Assemblea legislativa (di questi, due seggi sono riservati al presidente eletto e al candidato presidente secondo classificato). Le votazioni sono contestuali e avvengono su un'unica scheda. Tra le modalità di voto previste dalla legge regionale, c'è quella del voto disgiunto: si potrà infatti dare la preferenza per un candidato presidente, ma scegliere una delle liste a lui non collegate nell'indicare i consiglieri. L'elettore può anche esprimere solo un voto a favore di una lista e in tale caso il voto si intende espresso anche a favore del candidato Presidente ad essa collegato; votare esclusivamente per un candidato alla carica di Presidente; votare per un candidato alla carica di Presidente e contestualmente per una delle liste a esso collegate. È ammesso il voto di preferenza. L'elettore ha facoltà di attribuire una o due preferenze con le modalità stabilite dalla legge. Nel caso di espressione di due preferenze, occorre rispettare il principio di alternanza di genere, pena l'annullamento della seconda preferenza.

Calabria - Sono 1.909.58, di cui 934.483 maschi e 975.100 femmine, i calabresi chiamati oggi alle urne. Le sezioni allestite sono 2.419. I diciottenni maschi chiamati a votare sono 5.774, le diciottenni 5.640, per un totale di 11.414. Potranno scegliere fra quattro candidati alla presidenza, supportati da 14 liste. A contendersi la presidenza sono: Jole Santelli (sostenuta da Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia, Unione di Centro, Santelli Presidente, Casa delle Libertà), Pippo Callipo (Partito democratico, Democratici e Progressisti, Io Resto in Calabria), Francesco Aiello (Movimento 5 Stelle, Calabria Civica) e Carlo Tansi (Tesoro Calabria, Calabria Libera, Calabria Pulita). Per poter entrare in Consiglio regionale, ogni coalizione è costretta a superare la soglia di sbarramento dell'8%, mentre le singole liste il 4. Non è ammesso il voto disgiunto.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.