Cerca

Coronavirus, Pillon: "Ha ragione Salvini, sì a visite individuali in chiesa"

POLITICA
Coronavirus, Pillon: Ha ragione Salvini, sì a visite individuali in chiesa

(Fotogramma)

"La Pasqua è il centro dell'anno liturgico e il senso della fede cristiana. La proposta di Matteo Salvini è da me pienamente condivisa. Garantire i supermercati aperti è stato indispensabile per assicurare il cibo del corpo. Anche le anime hanno bisogno di nutrimento, specialmente in questo tempo". Raggiunto dall'AdnKronos, il senatore della Lega Simone Pillon fa sapere di condividere la proposta di Matteo Salvini, di aprire le chiese per la festività pasquale.


"Nessuno chiede di tornare a celebrazioni pubbliche affollate - spiega - ma permettere ai fedeli una visita individuale e un momento di raccoglimento con tutte le cautele e le protezioni mi pare fattibile e sensato". "Del resto, se si può andare dal tabaccaio, perché non si potrebbe andare in chiesa a pregare qualche minuto?", si domanda il leghista.

"Personalmente credo che dobbiamo tornare ad investire con coraggio sui veri valori del nostro Paese, primo tra tutti la famiglia, che ancora una volta sta dimostrandosi il vero tessuto connettivo dell'Italia", afferma poi riferendosi alla fase 2, che potrebbe a breve essere al centro delle decisioni politiche.

"La fase due - sottolinea - deve essere animata da grande coraggio e visione strategica, guardando al domani e al dopodomani. La globalizzazione selvaggia ha fallito, e l'Unione Europea delle lobby finanziarie ha mostrato il suo vero volto".

Non solo la famiglia al centro degli interventi: "Poi a seguire dobbiamo sostenere i lavoratori, le imprese familiari, i professionisti, le partite Iva e riorganizzare la macchina dello Stato, perché non generi inutili burocrazie ma sia di supporto e sostegno alle altre attività", dice ancora.

Si parla anche del numero di decessi nell'epidemia. "Personalmente credo che nel confronto coi paesi stranieri andrebbe fatta una disamina rigorosa dei numeri veri. Ho la sensazione che la Cina, ma anche la Germania abbiano pubblicato numeri calcolati su basi ben diverse dalle nostre", afferma. "L'Italia ha portato da sola il peso di essere il primo paese occidentale ad affrontare l'emergenza, e senza i coraggiosi interventi dei governatori delle regioni Lombardia, Veneto e Friuli saremmo davanti a ben altri numeri", aggiunge Pillon.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.