Cerca

Mes, Salvini: "Fuori legge chi tratta in Ue senza voto Parlamento"

POLITICA
Mes, Salvini: Fuori legge chi tratta in Ue senza voto Parlamento

"Secondo la legge è necessario un voto in Parlamento. La legge 234 del 2012, la cosiddetta legge Moavero, prevede che prima dei consigli europei, come quello del 23 aprile, ci sia un voto. Da Pd e 5S ci sentiamo dire che il premier verrà a informarci, poi andrà a Bruxelles e al ritorno chiederà il voto del Parlamento. Va bene aver scritto Giocondo in fronte, però...". Così Matteo Salvini in conferenza stampa parlando di Mes.


"Chi va a Bruxelles senza un mandato chiaro del Parlamento - continua Salvini - è fuori dalla legge. Se poi il Parlamento vota a maggioranza 'viva il Mes, vendiamoci il Duomo e il Colosseo'... Fino a l'altro ieri Conte diceva che il Mes era uno strumento vecchio e inutile, ora dice che è un argomento di discussione. Il Parlamento non va informato - rimarca il leghista -, va coinvolto e occorre votare. Mi aspetto che dai piani alti qualcuno faccia rispettare la legge. Articolo 1 della legge 234, chiaro: vorremmo semplicemente che il Parlamento votasse sì o no ad una rapina, se è a mano armata o con il machete è pur sempre una rapina".

Pensa di chiamare Mattarella? "Non vorrei essere uno stalker - replica Salvini tornando sulle sue parole di ieri, quando ha chiesto di sapere cosa ne pensa il Quirinale del no di Conte al voto parlamentare prima del consiglio europeo -, sarebbe la quinta volta in poco tempo che lo chiamo. Conosce lui, come conosco io e come conoscono tanti, qual è la legge. C'è un articolo che prevede che il presidente del Consiglio, prima di andare a trattare in Europa con altri capi di stato e di governo, debba far votare dal Parlamento qual è il suo mandato", conclude.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.