Cerca

Aspi, Flick: "Decisione Consulta non proiettata al futuro"

POLITICA
Aspi, Flick: Decisione Consulta non proiettata al futuro

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Sulle concessioni autostradali "c'è una situazione di notevole complessità, con spazi di fondamento dall'una e dall'altra parte. Ma non conosco gli estremi per poter esprimere valutazioni tecnico-giuridiche. Quanto alla sentenza della Consulta, secondo cui non è contrario alla Costituzione escludere, applicando la legge, il concessionario dalla ricostruzione del Ponte vista l'eccezionalità della situazione, pare sia giunto un segnale di condivisione, visto che la decisione sembrerebbe sia stata presa all'unanimità dal Collegio. Una decisione, ad ogni modo, non proiettata al futuro, disinteressata quindi a come le parti in gioco potranno risolvere la questione. La Corte Costituzionale non è una terza Camera, né un avvocato super partes per entrambi i contendenti, né tantomeno un mediatore fra di loro. Il suo compito non è quello di stimolare le inerzie del governo, di fare politica". Così all'Adnkronos Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte Costituzionale, interviene sulla 'partita' della revoca delle concessione ad Aspi.


"Voglio, tuttavia, ricordare l'affermazione del presidente del Consiglio - aggiunge Flick - quando in merito alla revoca delle concessioni ad Autostrade disse 'non possiamo attendere i tempi della giustizia': un po' buffo in un Paese come il nostro dove i tempi della giustizia sono biblici che a dircelo sia proprio il governo da cui quella lungaggine dipende".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.