Cerca

Sileri: "Deputati bonus pezzenti nell'animo"

POLITICA
Sileri: Deputati bonus pezzenti nell'animo

Fotogramma

"Sono meschini, pezzenti nell’animo non nelle tasche come chi mendica". Così il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, in un lungo post su Facebook sul caso dei 5 parlamentari che avrebbero incassato il bonus per le partite Iva. Sileri non ha dubbi: "Devono dimettersi, andarsene. Ma non si dimetteranno mai perché chi agisce così è abituato a pensare, agire ed essere così. Lo era prima, lo è ora e lo sarà sempre. Sono quella categoria che sopravvive, galleggia, affannosamente raccatta tutto quel che può. Mia nonna diceva che 'all'uccello ingordo crepa il gozzo'".


"Avere una partita Iva ed essere onorevole - prosegue il viceministro - non ti dà diritto di pensare di richiedere il bonus. No, non puoi nemmeno pensarlo: perché il tuo stipendio sarebbe in grado di far campare due famiglie per tre mesi. Ma tu niente, il tuo primo filtro nel cervello non funziona ed ecco allora che riempi il modulo e mentre lo compili dei tuoi dati, radio, giornali e tv parlano di morti, di persone che perdono il lavoro, di un'Italia che arranca, di serrande che si abbassano, di fallimenti. Dovresti fermarti, gettare il modulo nella spazzatura".

"E invece tu prosegui e invii il modulo all'Inps - scrive Sileri nel suo post - E non ti penti nei giorni a seguire, non hai rimorsi, non rifletti. Anzi aspetti che quei soldi arrivino al più presto. E chissà, magari ti sarai anche lamentato del possibile ritardo. Ed oggi, come invece dovrebbe essere, non esci nemmeno fuori a dire 'scusate ho sbagliato'. Ma è vero, scusami Tu, non ci avevo pensato: è stato un errore del commercialista. Restituirai e sarà tutto ok, secondo te. Ma non spiegarlo a noi che stiamo qui a difendere la nostra bandiera, un paese fatto di persone che lavorano. È vero, l’idea di Stato è un po' ammaccata e tu stai contribuendo a distruggerla, ma i cittadini? Il nostro popolo? Ecco, spiegalo a loro. Spiegaglielo adesso", chiosa Sileri.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.