Cerca

Gregoretti, Salvini: "Processo anche a Conte? Non c'è reato"

POLITICA
Gregoretti, Salvini: Processo anche a Conte? Non c'è reato

Fotogramma

"Basta una sola parola pronunciata da Conte a spiegare che cosa è successo. Fu il premier a dire 'i migranti prima li ricollochiamo e poi autorizziamo lo sbarco'. E' Conte ad aver detto che gestiva tutto lui". Lo dice Matteo Salvini a Il Tempo.


"Io non dico che deve essere processato pure Conte, perché non c'è il reato. Ci sono norme precise per mettere in salvo i naufraghi e nessuno di noi li lasciò in balia delle onde (...) Io ho fatto solo il mio dovere, e quindi penso che tutto finirà nel nulla, magari proprio sabato davanti al giudice dell'udienza preliminare", prosegue Salvini. "Rifarei tutto quel che ho fatto. Alla fine di quei soli quattro giorni quelle persone - che stavano su una nave militare italiana - sono state nutrite, curate e inviate alle altre nazioni disponibili a farsene carico", ha spiegato il leader leghista.

"UNA PONTIDA DEL SUD" - "Io ho ridotto del 90% gli sbarchi, dimezzato i morti in mare e vado a processo per aver difeso il Paese. Abbiamo organizzato 'Pontida del sud' a Catania perché è lì che mi 'giudicheranno'. In quella città, quindi, faremo dibattiti su molti temi, contrapponendo a questo processo delle idee per il futuro dell'Italia", ha poi detto il leader leghista intervenendo al programma Aria Pulita su 7Gold Tv. "Per chi è curioso - ha aggiunto Salvini - ho pubblicato, sulla mia pagina Facebook, le 50 pagine della mia memoria difensiva. Spero che il giudice che le leggerà dica basta e che da domenica si torni a parlare di altro. quando tornerò al governo tornerò anche a fermare gli sbarchi".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.