Cerca

M5S, Crimi lancia gli Stati Generali

POLITICA
M5S, Crimi lancia gli Stati Generali

Fotogramma

Vito Crimi lancia gli stati generali del Movimento 5 Stelle. In un post sul Blog pentastellato, il capo politico M5S annuncia: "Si concluderanno il 7 e l'8 novembre a Roma in un grande incontro nazionale. Saranno partecipati dal basso e sarà un momento di coinvolgimento globale di tutti i nostri iscritti. Si parte dalle assemblee regionali e provinciali, che saranno convocate dai facilitatori regionali, già incaricati di attivarsi in questa direzione".


"In questi anni - ha aggiunto Crimi - il MoVimento 5 Stelle ha realizzato grandi cose, le ha fatte mettendo al centro sempre l'interesse dei cittadini e del Paese. Per andare avanti, per realizzare nuovi obiettivi, abbiamo bisogno di riorganizzarci e per farlo lanciamo gli Stati Generali del MoVimento 5 Stelle".

Le assemblee locali, spiega Crimi, "stileranno un documento per mettere insieme i temi da porre in primo piano nell'agenda politica del MoVimento, come realizzarli e quindi che organizzazione dobbiamo darci e quali regole servono per raggiungere quegli obiettivi. Queste assemblee dovranno designare dei rappresentanti che verranno a Roma - un numero circoscritto perché ovviamente anche l'emergenza Covid ci costringe a fare degli incontri che siano limitati per il numero di persone - in un'assemblea che non avrà un potere deliberante, perché l'ultima parola spetta sempre all'assemblea degli iscritti".

"In questa due giorni del 7-8 novembre i rappresentanti incaricati dalle regioni si incontreranno e confronteranno in tavoli di lavoro. Una full immersion - sottolinea il reggente grillino - che si svolgerà nelle giornate di sabato e domenica mattina. In conclusione, i singoli tavoli dovranno produrre una sintesi dei lavori e di tutte le questioni che devono essere affrontate o messe in discussione". "Le sintesi dei lavori domenica pomeriggio sfoceranno in una assemblea, che prevederà un dibattito pubblico in streaming. Al dibattito potranno intervenire anche coloro i quali non sono stati designati quali rappresentanti", aggiunge Crimi.

Il documento finale degli stati generali "dovrà essere sottoposto al voto della rete, alla nostra assemblea degli iscritti, che avrà sempre l'ultima parola e deciderà sul futuro del MoVimento" spiega il capo politico M5S.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.