Cerca
Home . Fatti . .

Totti senza fine: "Vincerò con la Roma, il meglio deve ancora venire"

Totti senza fine: Vincerò con la Roma, il meglio deve ancora venire

Francesco Totti realizza la prima rete nel derby (foto Infophoto)

"Sono convinto che vincerò ancora con questa maglia. Spero che per la Roma il meglio debba ancora venire". Francesco Totti si gode il momento d'oro e sogna nuovi trionfi con la maglia della Roma. Il capitano giallorosso, protagonista nel derby con una doppietta e con il celeberrimo selfie realizzato con la Curva Sud come sfondo, si confessa in una lunga intervista al sito statunitense Bleacher Report.


"Roma è speciale perché è mia. E' la mia città, la città che amo, la squadra che amo e per cui ho sempre fatto il tifo", dice il numero 10, che a 38 anni non ha nessuna voglia di appendere le scarpe al chiodo. "Cosa mi spinge ad andare avanti? Continuo a divertirmi in campo, voglio ancora vincere molto con questa maglia. Da quando ho debuttato, molte cose sono cambiare. C'è molta più televisione nel calcio, i giocatori sono cresciuti come atleti e i club sono più strutturati. C'è molta più attenzione ai dettagli, in campo e soprattutto fuori", dice, congelando ogni ragionamento relativo al 'prossimo lavoro': "Cosa farò dopo il ritiro? Non ci ho ancora pensato. In questo momento sono un calciatore e penso solo al campo".

In oltre 20 anni di carriera, magari avrebbe potuto raccogliere di più se avesse accettato di lasciare Roma. "Rimpianti? No, nessuno. Avrei potuto vincere molto con altre squadre, ma sono orgoglioso di ciò che ho fatto con questa casacca. Altri trionfi con una maglia diversa non mi avrebbero dato le stesse emozioni che ho provato qui da capitano".

Se tra qualche anno farà l'allenatore, magari si ispirerà all'attuale tecnico della Roma. "Con Garcia ho un ottimo rapporto, è un allenatore eccellente e una persona che rispetto moltissimo. Andiamo estremamente d'accordo", dice. Il Dna romano della squadra è rappresentato anche da Florenzi e De Rossi: "Alessandro e Daniele fanno parte della tradizione dei calciatori romani che militano in questo club. Sono grandi giocatori, ottimi amici. Resteranno qui a lungo e sono felice che ci siano". Il settore giovanile della Roma ha sempre sfornato talenti: "Non voglio fare nomi, ci sono molti giovani nella nostra Primavera, ma dobbiamo lasciarli crescere senza stress".

Come un anno fa, anche in questa stagione la Roma deve competere con la Juventus per lo scudetto. "La Roma e la Juve sono le squadre più competitive in questo momento. La Serie A comunque è molto equilibrata, ogni match è complicato", dice Totti, che punta a togliersi soddisfazioni anche sul palcoscenico europeo. "Non giocavamo la Champions da diverso tempo, siamo stati inseriti in un girone tosto. Tutto ci tornerà utile per la prossima stagione", dice ripensando all'eliminazione dopo la fase a gironi della Champions League.

L'obiettivo, prima di dire addio al calcio, è alzare un altro trofeo: "Spero di vincere ancora con questa maglia e sono convinto che ci riuscirò". Se potesse dare un consiglio al Totti ventenne, cosa direbbe? "Al giovane Francesco Totti direi di rifare tutto quello che ha fatto il vecchio Totti. Se ci riesce...".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.