cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 03:13
Temi caldi

Fecondazione: associazione, da 4 a 12 mila euro per eterologa fuori Italia

07 aprile 2015 | 13.16
LETTURA: 3 minuti

A raccontarlo all'Adnkronos Salute è Stefania Tosca, presidente dell'associazione 'Strada per un sogno Onlus', a un anno di distanza dalla decisione della Corte costituzionale di abbattere il divieto di eterologa in Italia

alternate text
Infophoto - INFOPHOTO

"Dopo la sentenza della Consulta pochissime cliniche, solo private, sono partite in Italia con la fecondazione eterologa. La reale mancanza di donatori, in particolar modo donatrici, costringe comunque le coppie a rivolgersi all'estero. E l'utilizzo di ovociti vitrificati, che viene fatto in Italia, non rassicura i pazienti. Così preferiscono andare in altri Paesi". A raccontarlo all'Adnkronos Salute è Stefania Tosca, presidente dell'associazione 'Strada per un sogno Onlus', a un anno di distanza dalla decisione della Corte costituzionale di abbattere il divieto di eterologa in Italia.

"Districarsi tra l'offerta delle cliniche estere è comunque difficilissimo - spiega - Una ovodonazione parte dai 4.000 euro della Grecia ai 12.000 della Spagna. In Spagna c'è il maggior numero di cliniche e qui si parte dai 6.000 euro per arrivare, appunto, ai 12.000 euro. Alla difficoltà di sostenere questi costi elevati si devono aggiungere volo, pernottamento, esami e monitoraggi in Italia". Secondo Tosca, "c'è la forte esigenza di procedere a campagne di sensibilizzazione sulla donazione, altrimenti anche i centri pubblici, come ha deciso di fare l'ospedale Careggi di Firenze, dovranno appoggiarsi a centri stranieri.

Dall'associazione un'identikit delle coppie che si rivolgono alla Pma: "Strada per un sogno Onlus nasce con l'obiettivo di sostenere le coppie infertili - sottolinea la presidente - e sappiamo che le coppie arrivano all'eterologa talvolta dopo moltissimi tentativi di omologa. In questo caso il 'lutto biologico' è più difficile da elaborare. Nel caso di ovodonazione, le donne molto spesso vivono il tentativo con grande trasporto e con la forte speranza di riuscire al primo tentativo. Gli uomini vivono di riflesso le emozioni della compagna".

"Altro discorso, invece - prosegue - é per chi arriva direttamente all'eterologa senza effettuare cicli di omologa. Si tratta di ex malati oncologici che hanno perso la capacità riproduttiva a causa della malattia. O anche donne in menopausa precoce o con gravi patologie ginecologiche, così come uomini sterili. In questo caso, la coppia risulta più coesa e anche il percorso viene raccontato durante i nostri incontri con maggiore facilità. Emotivamente, comunque, sono la solitudine, il senso di ingiustizia, l'elaborazione del lutto biologico e la paura di non poter realizzare il proprio sogno di diventare genitore a colpire emotivamente queste coppie".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza