cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 11:21
Temi caldi

Fecondazione: D'Avack, si' eterologa argina turismo procreativo, ora cautela (2)

09 aprile 2014 | 17.59
LETTURA: 2 minuti

(Adnkronos Salute) - Nelle legislazioni dei Paesi che hanno previsto l'eterologa queste problematiche "sono state affrontate in modo spesso difforme. Alcune normative, come quella svedese o norvegese, prediligono la verità assoluta e il diritto del minore di conoscere tutti i dati relativi al donatore o donatrice di gameti - spiega D'Avack - Altre normative come quella francese prevedono il segreto parziale relativo solo ai dati anagrafici, non alle caratteristiche genetiche del donatore. Bisognerà capire quale strada prenderà il legislatore italiano".

La caduta del divieto all'eterologa avrà anche un altro effetto, sottolinea ancora l'esperto: "Faciliterà quei progetti di legge che prevedevano l'adozione degli embrioni crioconservati e abbandonati. Progetti che si scontravano contro il divieto perché anche adottando un embrione si entra in campo 'eterologo'". L'Italia dovrà poi risolvere le problematiche di carattere anagrafico, riguardanti la trascrizione dei certificati di nascita.

D'Avack è cauto anche sui confini dell'eterologa: "Non sarei tanto entusiasta del contratto di maternità surrogata, per esempio. E si dovrebbe a mio avviso riflettere anche sulla possibilità di consentire l'ingresso all'eterologa ai single o alle coppie omosessuali, soprattutto quando si parla di due maschi che devono necessariamente ricorrere alla maternità surrogata. Tuttavia l'accesso alla fecondazione assistita, omologa o eterologa che sia, non sembra essere toccato dalla Corte". Anche su questo punto, D'Avack auspica un "intervento della Consulta che consenta l'ingresso alla Pma con modifica legislativa anche alle coppie che, pur non essendo sterili o infertili, sono portatrici di malattie genetiche e rischiano di mettere al mondo bimbi non sani. Credo che il problema debba essere affrontato perché la discriminazione a mio giudizio è evidente".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza