cerca CERCA
Domenica 27 Novembre 2022
Aggiornato: 10:07
Temi caldi

Fecondazione: storie di coppie ricorse a Consulta e che vogliono eterologa (3)

08 aprile 2014 | 12.38
LETTURA: 2 minuti

(Adnkronos Salute) - "Siamo sposati dal 2005 e abbiamo una bambina - dice un'altra moglie - Nel 2009 (ora ho 35 anni) mi è stata diagnosticata una menopausa precoce, ci sono stati due anni di dolori e di spaesamento. I primi sintomi sono avvenuti nel settembre del 2008 e quindi per noi che volevamo costruire una famiglia è stato un vero colpo. Noi siamo abituati ad avere famiglie numerose. Per noi è una ricchezza. Il fatto che sia una diagnosi definitiva mi spaventa e crea come un immenso vuoto".

"Mia moglie ha 37 anni e io 40 - racconta infine un marito - siamo sposati da 8 anni. Ho scoperto subito dopo il matrimonio e dopo alcuni tentativi di avere un bambino che ero affetto dalla sindrome di Klinefelter e per questo non potrò avere figli. Abbiamo tentato più volte con il seme che avevo andando a Milano e poi con un donatore esterno, andando a Lugano. Una volta ci siamo riusciti, ma poi la gravidanza è andata male. La nostra situazione economica non ci consente di ritentare (ogni volta almeno 2.000 euro solo per scongelare) e poi non ritengo giusto che in Italia non si possa risolvere il nostro problema. A Lugano ho visto tante coppie italiane disperate. Con me c'erano 8 coppie l'ultima volta. A nessuna è andata bene. Ma non sarebbe corretto avere medici e strutture italiane e capire quello che ci succede invece di andare fuori e essere trattati anche male?".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza