cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 11:56
Temi caldi

Medicina: 29 mln di europei con malattie fegato, al via Easl 2015

23 aprile 2015 | 09.38
LETTURA: 3 minuti

A Vienna il congresso europeo con circa 11 mila esperti da tutto il mondo. E per le strade della città corre il 'popolo giallo'

alternate text
The Liver works, corsa nelle strade di vienna - Easl 2015

Ben 29 milioni di europei soffrono di malattie croniche del fegato. Fra queste c'è la cirrosi, che da sola causa nel Vecchio Continente 170 mila morti l'anno. Ma sono più di 100 le diverse forme di malattia del fegato diffuse nel mondo: dai tumori all'epatite, fino al fegato grasso. Sono solo alcuni dei numeri che emergono dalla campagna 'The Liver works', presentata a Vienna in occasione di Easl 2015, il 50.mo congresso internazionale sul fegato, organizzato dall'European Association for the Study of the Liver (Easl).

Proprio per diffondere la conoscenza sulla salute e le malattie del fegato, ma anche dell'importanza della prevenzione, nei giorni scorsi un gruppo di promotori di The Liver Works, il 'popolo giallo', ha percorso le strade della città austriaca in una tuta integrale color paglierino, evocando uno dei colori caratteristici delle patologie del fegato. Un esercito di quasi 11 mila esperti delle malattie che colpiscono questo organo è arrivato in Austria per confrontarsi sui segreti di quella che è considerata la centrale energetica dell'organismo: l'organo che trasforma il cibo in energia per far funzionare cuore, cervello e polmoni.

Ma il fegato è anche la stazione detox del corpo umano, in grado di rimuovere le tossine dal sangue e di neutralizzarle. Inoltre quest'organo è davvero multitasking: esegue almeno 500 processi. Se funziona male, però, le conseguenze possono essere mortali: le malattie croniche del fegato sono oggi la quarta causa di morte prematura. "Sono tempi eccitanti per l'epatologia e per l'Easl", ha sottolineato Markus Peck-Radosavljevic, segretario generale della società scientifica, nel suo messaggio di benvenuto ai congressisti.

E non si può non dargli ragione. Da un lato sono già arrivati e stanno arrivando sul mercato nuovi super-farmaci che rivoluzionano la terapia dell'epatite, dall'altro la ricerca offre quasi ogni settimana nuovi device diagnostici e terapeutici pionieristici per salvaguardare la salute di questo organo e individuare precocemente il segno di una malattia. "E' nostra responsabilità collettiva", spiegano i promotori di The Liver works, assicurare "il miglioramento continuo della salute di questo organo e la consapevolezza del suo ruolo vitale per il nostro organismo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza