cerca CERCA
Venerdì 21 Gennaio 2022
Aggiornato: 19:21
Temi caldi

Feltri: "'Patata bollente' anche per Ruby e nessuno disse nulla"

10 febbraio 2017 | 19.03
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

"Esattamente 6 anni fa, il 15 gennaio del 2011, Libero uscì con il titolo 'Patata bollente', identico a quello di oggi, dedicato a Ruby, e nessuno disse niente. Iacopino, che era già presidente dell'Ordine dei giornalisti, non disse neanche una parola, né di biasimo né di plauso. Oggi per Virginia Raggi è successo il finimondo". Così Vittorio Feltri, direttore di Libero, ospite insieme allo stesso Iacopino di Emanuela Falcetti a 'Italia sotto inchiesta' su Radio Uno.

"Questa è la prova dello strabismo anche di chi giudica la stampa e del presidente Iacopino, che ha definito il titolo di oggi disgustoso - aggiunge Feltri - Come mai non lo era nel 2011, solo perché riguardava una povera marocchina?".

"Per quanto riguarda l'espressione 'patata bollente' - è la spiegazione di Feltri - la patata è un tubero e l'espressione si usa si dice quando c'è problema scottante da risolvere". E alla domanda se intenda chiedere scusa, risponde "Ma scusa di che, per patata bollente? Ma siamo impazziti?".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza